Cuneo: presentato il Premio Eloquenza 2019

0
1046

Giovedì 20 dicembre 2018, alle ore 18,00, presso il circolo ‘L Caprissi, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del Premio Eloquenza 2019.
L’incontro è stato introdotto dal presidente del Lions Club Cuneo, Michele Girardo, che, nella sua funzione di officer distrettuale, ha brevemente tratteggiato la storia e gli obiettivi del concorso, nonché la costante e proficua collaborazione attivata, suo tramite, con le Istituzioni scolastiche.

Si è quindi soffermato sulla tematica proposta per la presente edizione, facente capo alla seguente frase di Helen Keller: “La vera felicità non è ottenuta tramite l’autogratificazione, ma attraverso la fedeltà ad un proposito degno”. L’aforisma, ha precisato il relatore, è di gran momento etico e personale. Il contenuto dell’incisiva affermazione contempla infatti una variabile di ordine morale decisamente importante sul piano comportamentale, tanto nei rapporti interindividuali quanto nei dinamismi inerenti alla propria autenticazione personale. Dunque offre agli studenti validi spunti di riflessione, di argomentazione e di esemplificazione ritagliati dal contesto della loro esperienza e dal loro modo di rapportarsi alla concreta e quotidiana realtà.

L’argomento proposto assume, inoltre, una duplice valenza. Da una parte, intende ricordare il cinquantesimo anniversario della morte di Helen Keller, donna eccezionale, cieca e sordomuta fin dalla primissima infanzia, che con l’aiuto della sua educatrice, Anne Sullivan, imparò a leggere e scrivere, sviluppando le sue eccezionali doti intellettuali, tanto da laurearsi nel 1904 e divenire autrice di opere famose, oltre ad affermarsi come promotrice di iniziative a favore dei disabili.

Sussiste poi un ulteriore elemento che coinvolge direttamente l’Associazione lionistica. Nel 1925, la Keller partecipò alla Convention di Lions Clubs International, pronunciando un celebre e storico discorso, in cui, tra l’altro, esortò i soci a “diventare cavalieri dei non vedenti nella crociata contro le tenebre”. L’Associazione fece proprio il suo invito, includendo nei suoi programmi iniziative specifiche per combattere il dramma della cecità. Basti pensare, a titolo d’esempio, che i Lions Italiani operano nel settore con ben quattro service, facenti capo ai Cani Guida, al Libro Parlato, alla Raccolta degli Occhiali Usati e alla Fondazione Banca degli Occhi Melvin Jones.

Tutto questo, ha precisato il presidente Girardo, accorda alla tematica proposta una particolare rilevanza storica, sociale ed etica, dunque risulta particolarmente indicata per la trattazione e l’esposizione oratoria richieste ai candidati. Le modalità operative del concorso, nella sua duplice versione, italiana e internazionale, sono state dettagliatamente sviluppate dai referenti, con l’intervento anche della prof.ssa Manuela Vico, presidente dell’Alliance Française di Cuneo.

c.s.