Bam Mercatò Cuneo: battute d’arresto per Serie D ed Under 18

0
122

Accusano un po’ di stanchezza i ragazzi allenati dai coach Luca Peron e Stefano Cavallera. Fortunatamente ora li aspetta la pausa natalizia, dove potranno ricaricare al meglio le batterie in vista del ritorno in campo nel nuovo anno.

Sabato hanno affrontato in trasferta il Villanova in serie D, riportando la prima battuta d’arresto e cedendo momentaneamente ai monregalesi il primo posto della classifica.
«Non abbiamo giocato al massimo delle nostre capacità – commenta così coach Peron – dopo aver vinto molto bene il primo set ci siamo adagiati, non riuscendo più a mettere giù la palla in attacco, problema principale del match. Con questa prima sconfitta siamo secondi, ci attende la pausa Natalizia, un po’ di riposo ci farà bene».

Il campionato di serie D per la Banca Alpi Marittime Mercatò Cuneo riprenderà sabato 12 gennaio in casa, al PalaItis, con il Reba Volley di Rivoli.

Villanova/vbc Mondovì – Bam Mercatò Cuneo 3-1
(18-25/25-19/25-19/25-20)

Banca Alpi Marittime Mercatò Cuneo: Giraudo, Candela, Chiapello, Testa, Caula, Bisotto, Armando, Cravero, Rado, Vigna-taglianti, Genesio.
All.: Luca Peron; II All.: Stefano Cavallera.

«Non abbiamo approcciato male la partita – precisa coach Peron – ma un calo generale e un buon gioco avversario ci hanno portato a rincorrere i padroni di casa per tutta la partita. Nel secondo set abbiamo espresso un buon gioco nel finale, ma degli errori banali ci hanno portato a cedere sul parziale 25-23. Andiamo alla pausa molto scarichi, cercheremo di ricaricarci al meglio per iniziare la seconda parte di stagione alla grande».

Non resta che attendere il posticipo dell’ultima giornata della prima fase tra il Parella e il Chieri, per scoprire se i cuneesi saranno secondi o terzi classificati.

Artivolley – Bam Mercatò Cuneo 3-0
(25-21/25-23/25-15)
Banca Alpi Marittime Mercatò Cuneo: Rado, Cravero, Vigna-taglianti, Cavallera, Toso, Vergnaghi, Giordano, Traetta, Caula, Pellegrino, Bisotto.
All.: Luca Peron; II All.: Stefano Cavallera.

c.s.