Cuneo: inaugurata l’edizione numero “Venti” di Scrittorincittà

Fino al 19 novembre ci saranno oltre 200 appuntamenti ed altrettanti ospiti per una manifestazione che taglia un traguardo importante

0
216

“Vent’anni è un’età particolare, in cui hai tutta la forza della gioventù e cominci ad affacciarti alla vita adulta”. Così il sindaco Federico Borgna ha aperto la ventesima edizione di Scrittorincittà, che fino al 19 novembre proporrà incontri con autori, ma anche laboratori e spettacoli.

Il fulcro sarà il Centro Incontri della Provincia, dove si è svolta l’inaugurazione, ma l’evento si snoderà in diversi luoghi della città. In tutto saranno 205 gli appuntamenti e 220 gli ospiti. Tra gli altri Alberto Angela, Monica Cirinnà, Ilaria Cucchi, Paolo Gentiloni, Levante, Benedetta Parodi, Paola e Claudio Regeni, Beppe Severgnini, Vittorio Sgarbi, Pif.
Il tema di questa edizione sarà “Venti”, come le candeline che spegne la manifestazione.

Ecco perché gli organizzatori hanno voluto dedicare l’inaugurazione alla storia di Scrittorincittà, con i personaggi che l’hanno fatta nascere e crescere, come Mario Cordero: “Quando siamo partiti non sapevamo cosa potesse diventare questa manifestazione. Era una sfida: dovevamo farci conoscere da tutti. Abbiamo fatto un lavoro di costruzione di un modo di vedere le cose differente, in cui ci fosse un rapporto stretto tra i lettori e gli scrittori. A giudicare dai risultati, credo che un po’ ci siamo riusciti. Oggi Scrittorincittà è un antidoto perché non si perdano le chiavi che aprono le porte della cultura e dello stare insieme”.

“Siamo nati con la volontà di portare artisti soprattutto stranieri a Cuneo – ha aggiunto Mario Rossi, assessore alla cultura ai tempi della prima edizione -. Questa manifestazione è cresciuta tanto, ed ora possiamo dire tranquillamente che è una delle più importanti della città. Sono contento che vada avanti con successo, spero che ci siano altri 20 anni di Scrittorincittà”.

Alessandro Spedale ha vissuto la kermesse per 12 anni da assessore alla Cultura: “Cito tre simboli di questa manifestazione: le maglie rosse dei volontari, fondamentali; i libretti tascabili con il programma, che racchiudono un grande lavoro; il badge, simbolo di tutta l’organizzazione”.

Da chi ha aiutato Scrittorincittà a crescere a chi lo ha trovato già grandicello. Il sindaco di Cuneo Federico Borgna ha parlato di “compleanno importante” e di una “consapevolezza di saper fare delle scelte che ha ormai acquisito la manifestazione”. Poi ha voluto ringraziare “tutte le persone che in questi 20 anni hanno lavorato per far diventare la kermesse quello che è oggi”, concentrandosi sul tema, “Venti”: “Un titolo sfidante, che si può prestare a diverse interpretazioni”. “Scrittorincittà è un gioiello che ci accompagna da anni – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Cristina Clerico -. E’ la punta dell’iceberg di una città che ha un ottimo rapporto con la lettura e che nella lettura vuole investire, perché leggere significa formarsi dal punto di vista sociale”.

Presente anche Giandomenico Genta, presidente della Fondazione CRC, da sempre al fianco di Scrittorincittà: “Questa manifestazione dà a Cuneo un valore aggiunto – ha detto -. Ma dobbiamo capire che bisogna mantenere l’asticella molto alta, perché è facile perdere la reputazione che ci si è guadagnata faticosamente in tutti questi anni”.

Poi il taglio del nastro e l’incontro inaugurale di questa edizione, “La tentazione di andarcene”, con l’economista Lorenzo Bini Smaghi.