Home Articoli Rivista Idea At-Cn: è sicura solo l’assenza di dialogo

At-Cn: è sicura solo l’assenza di dialogo

il territorio tenta il “pressing” sul governo

0
140

Sull’autostrada Asti-Cu­neo di doman non c’è certezza, e non pare il caso di seguire il consiglio di Lorenzo il Magnifico sul cercare comunque di viver lieti.
Anzi, una certezza c’è: l’assoluta mancanza di dialogo fra territorio e Governo e fra Governo e concessionaria che dovrebbe terminare la realizzazione di un’o­pe­ra che si trascina da decenni.
A parole, vi sarebbe un’altra cosa stabilita una volta per tutte: se e quando sarà finita, l’Asti-Cuneo avrà caratteristiche autostradali e non superstradali, come qualcuno di recente aveva ipotizzato per fare un po’ di confusione.
L’ha detto il ministro Danilo To­ninelli, una ventina di giorni va, ai sindaci di Bra e Alba, Bruna Si­bille e Maurizio Marello, al presidente della Provincia di Cuneo, Fe­derico Borgna, e ad alcuni parlamentari ricevuti nel suo ufficio nella capitale. Tutto il resto è av­volto in una nebbia fittissima.
Il fatto che non esista nessun tipo di dialogo, e non esso la possibilità di sperare in bene, ha trovato conferma du­rante l’assemblea plenaria dell’associazione “Lan­ghe Roero-Ta­volo delle autonomie per il ter­ritorio”, convocata presso l’Associazione commercianti al­besi con una partecipazione, per la verità, inferiore a quelle registrate in analoghe re­centi occasioni organizzate per di­scutere sullo stesso tema.
Sono interventi anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, accompagnato dal suo assessore ai trasporti, Francesco Balocco, l’europarlamentare Alberto Cirio (Par­tito popolare europeo), la deputata Chiara Gribaudo (Pd), il se­natore Marco Perosino (Forz­a Italia) e il consigliere regionale Mauro Campo, delegato dalla deputata Fabiana Da­do­ne (MoVimento 5 stelle).
A proposito di certezze, una collaterale al filone principale l’ha citata per l’ennesima volta Cirio: questa è un’o­pera irrinunciabile per una regione come il Piemon­te che ogni anno versa 10 miliardi di euro in più rispetto a quanto riceve dallo Stato. Senza contare la tragedia dello stillicidio di vittime della strada causate dalle carenze infrastrutturali, il sistema economico provinciale ogni giorno perde 300 mila euro a causa dell’autostrada incompleta, ha ricordato Borgna.
Se viene un po’ difficile credere al 100% a chi, dopo aver amministrato il Paese per decenni, oggi dice che la questione sarebbe stata risolta grazie alle autorizzazioni comunitarie al prolungamento “ad hoc” di alcune concessioni autostradali e, pertanto, il
Go­verno gialloverde sa­rebbe l’unico responsabile dell’inceppamento di una soluzione perfetta, d’altro canto è innegabile che il pentastellato Toninelli non si stia comportando nel mo­do più corretto, schietto e auspicabile.
Ne ha dato una chiara prova Chiam­parino nel ricordare come quello dell’assemblea all’Aca fosse il 143o giorno di attesa di una risposta, con l’auspicato invito a discuterne a quattr’occhi a Roma, all’accorata lettera tutta incentrata sull’Asti-Cuneo da lui inviata al Ministro.
Allo stesso modo è stato facile rinfacciare a Campo, impegnato nell’ostico tentativo di giustificare la latitanza di Toninelli sulla questione, solo in parte comprensibile dopo il disastro di Ge­nova, che il presunto disinteresse della società concessionaria sa­rebbe facilmente verificabile se si invitasse il presidente del­l’Asti-Cuneo, cioè Giovan­ni Qua­­glia, a un confronto diretto.
Ma anche questo è un passo che non pare profilarsi all’orizzonte, cosa incomprensibile per tutti coloro ai quali interessa sia terminata l’autostrada.
Tutti gli intervenuti, alcuni sen­za tralasciare velenose ipotesi nei confronti delle posizioni pentastellate, hanno ribadito di non preferire un’opzione anziché l’altra, purché l’opera viaria sia completata. Ma quasi l’unanimità dei presenti ri­tiene che, in effetti, il “cross financing” che ha ottenuto l’ok di Bruxelles potrebbe es­sere l’unica via percorribile per raggiungere l’obiettivo in tempi ac­cettabili, posto che siano accettabili un’attesa che dura da oltre trent’anni e la presa in giro dei reiterati rinvii della parola “fine”.
Ora si pensa a un “pressing” co­stante sul Governo con le in­ter­rogazioni parlamentari e al tentativo di avviare un dialogo diretto e costante tra il territorio e il Mi­nistero delle infrastrutture.
Amministratori, deputati e senatori della Granda insisteranno an­che affinché sia convocato il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) con all’ordine del giorno l’Asti-Cuneo, un’altra “dimenticanza” che non trova spiegazioni, se davvero, come si dice da ogni parte, si desidera arrivare a un risultato concreto e veloce.
«Un territorio non si può rassegnare di fronte a un’“impasse” che blocca lo sviluppo economico oltre a rappresentare un pericolo costante e quotidiano per la sicurezza e l’incolumità delle persone», sono le più che condivisibili parole del coordinatore dell’evento e presidente del­l’Aca, Giuliano Viglione. «L’as­­­socia­zio­ne “Langhe Roero-Ta­volo del­le autonomie” si è impegnata a sollecitare tutti i soggetti rappresentativi dell’area di riferimento per agire uniti al fine di ottenere dal Mi­nistero delle in­frastrutture una risposta chiara e certa sulle modalità, e quindi sui tempi, di ultimazione dell’opera». Con­cet­ti giustissimi, ai quali però non si sa quali fatti possano seguire, da tutte le parti coinvolte in una vicenda che va oltre i canoni del­la commedia dell’assurdo.

BaNNER