Il FABLab dell’Istituto Vallauri inaugura a Fossano “INleONardo” (FOTO E VIDEO)

Percorso sensoriale parallelo a “Leonardo Opera Omnia”

0
506

Venerdì 28 Settembre, nell’area sotterranea del Castello degli Acaja si è inaugurata “IN leONardo”, realizzata in collaborazione a “Leonardo Opera Omnia”, collocata nelle 3 sedi: Chiesa della S.S Trinità, Museo Diocesano e Castello Degli Acaja.

Ad organizzare la mostra è stato il POMLab dell’ Istituto Vallauri, nello specifico i curatori sono Francesca Ambrogio, Luca Ferrua, Mario Milanesio e Gabriele Panero.                       In collaborazione con il Comune di Fossano, con il contributo di Audi Sport Quattro Cuneo,   concessionaria Audi per Cuneo e provincia, Fondazione CRT, Fondazione CRF E SlowFood   Fossano.

«Il FABLab da la possibilità a persone che hanno fatto studi diversi di trovarsi e di contaminarsi, mettendo a disposizione le mie conoscenze a chi può averne bisogno, noi curatori ci siamo applicati pur avendo conoscenze diverse a questo progetto che non sarebbe uscito se avessimo avuto un percorso in sintonia» Afferma Gabriele Panero (uno dei quattro curatori).                                                                                                   Se “Leonardo Opera Omnia” valorizza le eccellenti doti artistiche di Leonardo, proponendo alcune tra le sue più celebri opere, questa mostra interattiva mira ad esaltare il genio rinascimentale come curioso sperimentatore.

Il percorso espositivo si divide in due aree: la prima propone 13 pannelli illuminati a led comandabili, in grado di aumentare o diminuire la luce al solo tocco dello spettatore. All’interno di questi si può ripercorrere il percorso di ricerca dell’artista attraverso la progettazione di macchinari ideati da lui stesso, spinto da stimoli di conoscenza provenienti da quattro elementi naturali quali: l’aria a cui fanno riferimento gli studi sul volo, l’acqua portavoce degli studi sulle chiuse e i ponti, la terra associata agli studi sulla prospettiva e sulla visione dell’occhio umano e il fuoco che definisce la guerra.

Affiancate agli studi di genere meccanico, troviamo nella seconda sala ricerche in ambito umano, sono infatti poggiati a terra quattro tavole illustrative dedicate ai suoi approfondimenti sul corpo umano.

È presente inoltre un terzo spazio che accoglie “Italo”, personaggio inventato dai ragazzi dell’istituto Comprensivo “Federico Sacco”, frutto di competenze acquisite riguardo la costituzione italiana e sull’importanza di vivere in un paese democratico.

La mostra terminerà il 13 Gennaio, sarà possibile visitarla:                                                il Venerdì: dalle 15 alle 19                                                                                              il Sabato, la Domenica e nei giorni festivi dalle 10 alle 19                                        L’ingresso è gratuito