Serie C – Coppa Italia: l’Albissola sbanca Cuneo! Al “Paschiero” è 2-3

Pochi lampi tra i biancorossi: bene Bobb, Zamparo e Rosso

0
554

Parte con una sconfitta pirotecnica la stagione 2018/19 del Cuneo. I biancorossi sono infatti stati sconfitti 3-2 al “Paschiero” dall’Abissola di mister Fossati nel primo turno di Coppa Italia di Serie C.

C’è da lavorare, ma già si sapeva. Eppure, qualcosa di buono si è visto. Scazzola conferma la difesa a tre vista nel precampionato. 3-4-2-1 di partenza con qualche nome a sorpresa. Manca Conrotto, come già si sapeva, mancano Pellini e Santacroce, con il secondo ufficialmente affaticato. Dietro Cristini divide il campo con Tafa e Bacigalupo. In mezzo il duo è Rosso-Bobb con Bertoldi e Ficco sugli esterni. Davanti Arras e Testa sostengono Zamparo. Tra i pali, invece, il giovanissimo classe 2001 Santarelli, forse ancora acerbo per un palcoscenico di questo tipo.

La prima mezzora del Cuneo è in linea con questo inizio di preparazione: confusionaria. Ci prova solo Zamparo con un sinistro dalla distanza, ma i liguri si infilano tra le maglie morbide della difesa biancorossa con troppa facilità. A fare il mattatore è Cais, che tra 17’ e 22’ ne fa due. Prima gira in rete un traversone da sinistra di Martignano, quindi infila da fuori con un bel mancino, colpevolmente non pressato da mediana e difesa cuneesi.

I padroni di casa stentano a prendere coraggio, ma trovano il lampo che accorcia le distanze scollinato il 30’: traversone da sinistra, Arras si avventa sul pallone e Mahrous lo atterra goffamente. Giallo per il difensore ligure e rigore per il Cuneo, con Zamparo che non sbaglia: sinistro tagliato forte ed Albertoni battuto. Seguono undici minuti equilibrati, ma soprattutto molto sconclusionati. È 2-1 al duplice fischio.

La ripresa è segnata da un buon Cuneo nei primi 10’, forse il migliore nell’arco dell’ora e mezza di gioco. Al 6’ ecco il pari: la difesa ospite pasticcia e uno dei centrali liguri tocca il pallone con la mano, provocando il secondo penalty biancorosso. Dal dischetto va ancora Zamparo: stesso angolo, stessa potenza ed Albertoni che intuisce ancora ma non può salvare.

È una gioia effimera, però, perché otto minuti dopo l’Albissola rimette la testa avanti: angolo da destra, la difesa cuneese dorme e Bezziccheri, dimenticato sul secondo palo, può inventarsi una sforbiciata volante che non lascia scampo a Santarelli. 3-2 e Cuneo nuovamente costretto ad inseguire.

Scazzola si gioca le prime carte poco oltre il ventesimo: dentro Reymond e Maresca, fuori Ficco e Testa. Le emozioni, però, sono prodotte dai due migliori: prima Zamparo mette alto di testa sugli sviluppi di un corner, quindi uno scatenatissimo Bobb si libera e lascia partire un destro dai trenta metri messo in angolo da un incerto Albertoni.

Finisce così. Cuneo a sprazzi, con qualche spunto interssante c’è. Piace Bobb, così come convincono le garanzie Zamparo e Rosso. Da rivedere la difesa: urgono rinforzi, a partire da Santacroce.

Cuneo-Albissola 2-3
Reti: 17’pt e 22’pt Cais (A), 34’pt e 6’st rig. Zamparo (C), 14’st Bezziccheri (A)
Cuneo (3-4-2-1): Santarelli; Tafa, Cristini, Bacigalupo; Ficco, Rosso, Bobb, Bertoldi; Arras, Testa; Zamparo. Allenatore: Scazzola.
Albissola: Albertoni, Mahrous, Balestrero, Gulli, Raja, Cais, Martignano, Bezziccheri, Oliana, Damonte Oprut. Allenatore: Fossati.

 

Foto Cuneocalcio.it