I 10 ANNI DI MARCO ROSSO AL CUNEO – CAPITOLO II – 10 giugno 2012: il Cuneo travolge l’Entella e va in Paradiso | Un solo anno dopo il ritorno tra i pro, il salto in Prima Divisione: è il punto più alto della storia biancorossa

0
465

10 giugno 2012. Per tutti i tifosi del Cuneo Calcio non una semplice data, non un giorno qualunque. Una giornata storica, che rappresenta probabilmente il punto più alto nella storia della società biancorossa. Il 10 giugno 2012 il Cuneo, in un “Paschiero” gremito ed “infuocato” come raramente accaduto negli ultimi anni, travolge la Virtus Entella nella finale di ritorno dei playoff di Lega Pro Seconda Divisione: un perentorio 5-2 che, dopo l’1-1 di Chiavari nella sfida d’andata, regala ai biancorossi il Paradiso della terza serie nazionale.

 

Un traguardo tanto storico quanto impensabile, impronosticabile fino all’estate precedente, un’estate in cui il Cuneo si riaffacciava al panorama del calcio professionistico dopo tre stagioni di “purgatorio” in Serie D. In panchina non c’è Salvatore Iacolino, tecnico della promozione, il mercato è condotto dal nuovo direttore generale Massimo Bava: è lui a portare a Cuneo il nuovo tecnico Ezio Rossi. La rosa del ritorno in Lega Pro viene in gran parte riconfermata, gli innesti più significativi rispondono ai nomi di Andrea Gentile, Luca Carretto, Marco Cristini e Massimiliano Varricchio. La “matricola” Cuneo stupisce e diverte, attestandosi nelle prime posizioni della classifica fin dalle prime giornate: sul campo della Pro Patria (3-2 alla quarta giornata) e dell’Alessandria (2-1 alla quinta) i biancorossi mostrano di essere intenzionati a “fare sul serio”.

 

Un Cuneo, quello di Ezio Rossi, a trazione decisamente anteriore: a far sognare il “Paschiero” sono i gol della “premiata” ditta Fantini-Varricchio. A fine stagione saranno complessivamente 31 i centri messi a segno dalla coppia d’attacco biancorossa, che contribuiranno a fare dell’attacco del Cuneo il terzo più prolifico del girone con 60 reti nella stagione regolare.

 

Il Cuneo, col passare dei mesi, si scrolla di dosso l’etichetta di sorpresa e diventa una solida realtà del girone A di Seconda Divisione. A gennaio arrivano il portiere Rossi, il difensore Arcari e l’attaccante Ferrario, e la corsa biancorossa continua. La vittoria sul Treviso (3-2) alla terz’ultima giornata fa addirittura sognare la promozione diretta, ma la sconfitta contro il Poggibonsi (1-3) alla penultima “condanna” la truppa di Ezio Rossi ai playoff.

 

In semifinale c’è il Rimini: 0-0 in Romagna, Cintoi il 27 maggio firma l’1-0 che manda il Cuneo in finale. Nell’andata dell’ultimo atto, a Chiavari, Virtus Entella e Cuneo impattano sull’1-1 (segna Fantini), poi arriva il fatidico 10 giugno. Per il Cuneo è un trionfo. Varricchio la sblocca, Carretto raddoppia. Falcier dimezza le distanze ma all’intervallo si va sul 3-1: è Fantini a fare tris prima della fine del primo tempo. Nella ripresa Varricchio firma il poker, Rosso prova a tenere in vita la Virtus siglando il 4-2, ma Marco Cristini chiude la contesa mettendo i sigilli sul 5-2 finale. Il Cuneo vola in Prima Divisione. Non è solo il momento più alto della gestione Rosso: è il momento più alto nella ultracentenaria storia biancorossa.

 

CUNEO-VIRTUS ENTELLA 5-2
MARCATORI: 12’ e 8′ st Varricchio (C), 28’ Carretto (C), 35’ Falcier (V), 40’ Fantini (C), 17’  st Rosso (V), 25’ st Cristini (C).

CUNEO: Rossi, Passerò (31′ st Garcia), Donida, Ferri, Carretto, Cintoi, Gentile (20′ st Longhi), Cristini, Varricchio, Garavelli, Fantini (38′ st Ferrario). ALLENATORE: Ezio Rossi.

VIRTUS ENTELLA: Paroni, Falcier, Zampano, Hamlili, Russo, Bertoli (12′ st Volpe), Ciarcià (1′ st Rosso), Musso (1′ st Serlini), Lenzoni, Garin, Staiti. ALLENATORE: Luca Prina.

ARBITRO: Fabbri di Ravenna (Lo Cicero di Brescia e Valeriani di Ravenna).

 

{youtube}097PARkocuA{/youtube}