Con il Progetto Food di Collisioni si parla di riso e birre artigianali (GUARDA le FOTO e i VIDEO)

0
239

IMG 4973 CopyNon solo musica, letteratura e cinema protagonisti a Barolo, ma anche le eccellenze enogastronomiche di tutta Italia, e in particolare del territorio, trovano un loro spazio di rilievo e prestigio all’interno dell’evento internazionale agrirock che porta migliaia di visitatori tra le colline patrimonio Unesco.

Spenti (momentaneamente) i riflettori sulla grande musica con il concerto sold out dei Depeche Mode, i riflettori si sono accesi sul Progetto Food, giunto alla sua seconda edizione. Una tre giorni di presentazione, degustazione, confronto e tavole rotonde su eccellenze enogastronomiche piemontesi e italiane, con un particolare focus sui formaggi dop piemontesi a cura di Assopiemonte.

 

Il tutto di fronte a un parterre internazionale di grandi giornalisti food e importatori quali Amélie Vincent, redattrice inglese di TheFoodalist, Amber Hoffman, autrice di The Food Traveler’s Guide to Emilia Romagna: How to taste the history and tradition of Italy, Lars Bjerregaard firma di punta della rinomata rivista Gastromand, la francese Anne Reverdy redattrice di Panier de saison, la tedesca Ursula Heinzelmann che scrive per Saveur, Brian Bistrong vicepresidente e Food Developer/buyer della Starr Catering Group, Laurel Evans è una giornalista texana, volto televisivo, digital influencer ed è la fondatrice del blog, legato alla rivista Grazia, unamericanaincucina.com e tanti altri. Partecipano inoltre gli italiani Marisa Fumagalli che scrive di varietà, cultura ed enogastronomia su Il Corriere della Sera, Fernanda Roggero specializzata in food&wine e da sempre firma de Il Sole 24 Ore, e Adriano Aiello, firma di punta per Dissapore, Intravino, il Fatto Quotidiano.

Nella giornata di ieri (lunedì 2 luglio) il parterre internazionale è stato messo faccia a faccia con le birre artigianali del microbirrificio Kauss di Piasco e sulle birre artigianali griffate Alabuna di Villanova Mondovì.
Questa mattina, invece Ian D’Agata, direttore creativo del Progetto Vino&Food di Collisioni nonchè Senior Editor di VINOUS, Consulente scientifico di Vinitaly International e Direttore scientifico di Vinitaly International Academy, ha portato la platea alla scoperta alla scoperta del grande riso italiano, in particolare il Baraggia.
Nel pomeriggio spazio ai formaggi nostrani con particolare attenzione alla Toma, Murazzano e Roccaverano.

 

Alcune immagini degli incontri nei video e nella Gallery di Ideawebtv.it

{gallery}COLLISIONI_FOOD_2018{/gallery}