La Castellettese batte il Santa Croce e vola in Seconda Categoria

0
292

La Castellettese vola in Seconda Categoria al termine di una rincorsa entusiasmante in campionato, con la ciliegina sulla torta dei playoff, giocati da outsider e vinti meritatamente.

 

L’ultimo atto è andato in scena sul campo del Santa Croce, che aveva chiuso la stagione al secondo posto e che quindi aveva il vantaggio del fattore campo e di poter ottenere la promozione anche in caso di pareggio (dopo i supplementari). Invece la squadra di mister Brignone ha ancora una volta invertito il pronostico, come era già avvenuto sette giorni fa nella semifinale con il Bernezzo, imponendosi per 2-1 al termine di una prestazione gagliarda e di grande sostanza.

 

Dall’altra parte il Santa Croce, privo di bomber Gasbarro, deve recitare il mea culpa per una netta superiorità messa in campo in un ottimo primo tempo, nel quale però la squadra di Giraudo ha sciupato troppo sotto porta, compreso un calcio di rigore fallito da Giò Gallo. E’ proprio il capitano dei padroni di casa, al 6’, ad ispirare con un lancio perfetto Pellegrino, ma la conclusione dell’esterno viene neutralizzata da Scotta. Il Santa Croce gioca bene in avvio, Giò Gallo ha spazio per pensare e verticalizzare per gli attaccanti: al 9’ trova lo scatto di Bernardi, travolto dal portiere ospite dopo aver concluso alto. Per l’arbitro è rigore, Giò Gallo ha nei piedi la palla che potrebbe cambiare la storia della partita, ma si fa ipnotizzare da un super Scotta.

 

L’occasione sprecata non scoraggia il Santa Croce, che insiste: al 21’ ci prova Pellegrino su calcio piazzato, ancora Scotta dice di no; 3’ dopo sembra fatta per i padroni di casa, ma a portiere battuto è il palo a fermare il preciso diagonale di Luca Gallo. E la Castellettese? Gli ospiti sono alle corde, ma resistono, e a sorpresa passano nel finale di tempo, grazie ad una bella girata di Borghetto, che raccoglie il cross basso di Cuni e dal cuore dell’area batte Taricco con un destro secco (39’).

 

Il gol galvanizza gli ospiti e taglia le gambe al Santa Croce, che nella ripresa, dopo una grande occasione di Quaranta (2’, tiro a lato di un nulla su invito di Pellegrino), sparisce. La Castellettese sta meglio e al 10’ trova addirittura il raddoppio grazie al colpo di testa di capitan Bertaina, lasciato solo dalla difesa di casa sulla punizione di Borghetto. Il Santa Croce sprofonda, gli ospiti volano e rischiano di dilagare sulle ripartenze dell’imprendibile Sankara, che per due volte sbaglia il colpo del ko dopo (17’ e 24’). Il match si scalda al 26’, quando Peano viene espulso per doppio giallo, innescando una rissa che ferma il gioco per qualche minuto.

 

Alla ripresa, il Santa Croce ci prova con le ultime energie che ha: Bernardi sfiora il gol con un colpo di testa fuori di poco (28’), poi l’assedio finale, in cui sbuca la magìa di Giò Gallo, che dal limite si gira e sorprende Scotta con un tiro nell’angolino (45’). Il recupero è un susseguirsi di palle alte buttate in avanti dal Santa Croce e respinte dalla rocciosa difesa ospite, guidata dall’esperienza del 52enne Massimiliano Manes. Fino al triplice fischio dell’arbitro, che fa esplodere la festa della Castellettese. 

 

Santa Croce – Castellettese  1-2

 

Santa Croce: Taricco, Basko, Bernardi, Musso, Gallo G., Arese Ed. (14′ st Armando F.), Consolino (32′ st Guzzone), Armando L., Pellegrino, Quaranta, Gallo L. (21′ st Maiorano). A disposizione: De Simone, Arese En. Allenatore: Giraudo.

 

Castellettese: Scotto, Rosson(25′ st Brignone), Manes, Peano, Bellino, Bertaina (43′ st D’Amico), Kouyate, Borghetto, Zimbardi (12′ st Sylla), Sankara (44′ st Correa da Silva), Cuni A. (35′ st Paladini). A disposizione: Cuni K. Allenatore: Brignone.

Espulso: 26′ st Peano (C) per doppia ammonizione.

Reti: 39′ Borghetto (C), 10′ st Bertaina (C), 45′ st Gallo G. (S).

 

Gabriele Destefanis