Sci Alpinismo: nella Patrouille des Glaciers Katia Tomatis è seconda

0
362

Erano i grandi favoriti della vigilia e non hanno tradito le attese: gli azzurri Robert Antonioli, Michele Boscacci e Matteo Eydallin, tutti tesserati per il Centro Sportivo Esercito, hanno centrato un’altra vittoria di prestigio in una stagione internazionale dello sci alpinismo indimenticabile per gli italiani, dominando la classicissima Patrouille des Glaciers sulle montagne che circondano Verbier.

Il terzetto Antonioli-Boscacci-Eydallin ha chiuso i 53 km complessivi della gara sul durissimo percorso da Zermatt a Verbier in 5h,35’,27”, tempo record della manifestazione. E se per Antonioli è una prima assoluta, Boscacci ed Eydallin sono alla seconda vittoria nella prova svizzera dopo quella del 2014. Tre anni fa c’era Damiano Lenzi, ora infortunato ma presente sul percorso per dispensare consigli e dare assistenza ai commilitoni.

 

Alle spalle degli italiano gli svizzeri Martin Anthamatten, Rémi Bonnet e Werner Marti staccati di ben 10’,01”, mentre il trio composto da William Bon Mardion, Jakob Herrmann e Xavier Gachet si è presentato al traguardo di Verbier con 16’,11” di ritardo. Quarto posto per gli altri italiani Manfred Reichegger, Nadir Maguet e Davide Magnini, che hanno impiegato 6h,10’09”, quinti Yannick Ecoeur, Andreas Steindl e Iwan Arnold.

 

Nella gara femminile primo posto svizzero-francese con Jennifer Fiechter, Axelle Mollaret e Laetitia Roux prime in 7h,15’,34” e diciannovesime assolute. Al secondo posto la cuneese Katia Tomatis (CAI Tre Rifugi) che gareggiava insieme alle svizzere Séverine Pont Combe e Victoria Kreuzer: sono giunta ventiseiesime assolute e sono state staccate di 15’,36” dal trio Fiechter-Mollaret-Roux. Terze al traguardo le due austriache Johanna Erhart e Veronika Mayerhofer insieme alla norvegese Maleke Blikken Haukoy.

 

c.s.