Centro di Terapia Antalgica di Savigliano: con la peridurolisi si combatte il mal di schiena cronico | Nuova metodica mini-invasiva che si aggiunge alla radiofrequenza

0
1137

Dal 2017, presso il Centro di Terapia Antalgica di Savigliano, diretto dalla dottoressa Lucia Maria Fenoglio, il mal di schiena cronico ha un nemico in più: è una procedura mini-invasiva denominata peridurolisi.

Si tratta di un’ulteriore opzione di trattamento per la cura della lombalgia cronica, che si aggiunge alla radiofrequenza già da tempo praticata presso il servizio di Terapia del Dolore di Savigliano.

La peridurolisi consente di trattare il dolore cronico che colpisce i pazienti sottoposti una o più volte a interventi chirurgici sul rachide lombare, e soprattutto, rappresenta una reale alternativa terapeutica al re-intervento chirurgico stesso. Tale tecnica può trovare indicazioni anche in altre situazioni di dolore lombare.
 “La metodica consiste nel creare un accesso dallo iato sacrale, ossia dalla parte bassa della schiena – spiega lo specialista Dario Giaime, responsabile della struttura semplice di Terapia antalgica di Savigliano – per introdurre un catetere epidurale dedicato, successivamente fatto risalire a livello lombare per trattare le zone scelte come obiettivo: è indispensabile il controllo radioscopico e contrastografico per controllare la progressione del catetere e verificare la presenza di anomalie o ostacoli mediante iniezione selettiva di mezzo di contrasto”.
La tecnica di inserimento e di posizionamento del catetere è di complessità medio elevata, in relazione alla conformazione anatomica del canale vertebrale e dello spazio peridurale.
La procedura di liberazione del canale vertebrale dalle cicatrici post-intervento chirurgico, utilizza sia l’effetto meccanico del catetere sia l’effetto litico dei farmaci infusi (corticosteroide, anestetico locale, soluzione fisiologica ipertonica) sia l’effetto anti-infiammatorio sulle radici spinali sede di infiammazione peri-neurale. La peridurolisi farmacologica può essere integrata con l’applicazione della radiofrequenza sulle radici spinali utilizzando una specifica apparecchiatura.