Saluzzo, tre sale moderne per i talenti della Scuola di Alto Perfezionamento Musicale

0
603

E’ uno dei fiori all’occhiello della città di Saluzzo. Parliamo, ovviamente, della Fondazione Scuola di Alto Perfezionamento Musicale, che ogni anno forgia nuovi talenti che hanno bisogno di locali all’avanguardia per massimizzare la resa.

 

Tre sono, infatti, le sale messe a nuovo dalla Fondazione APM con tecnologie avanzate ed acustiche di assoluta qualità. La novità assoluta riguarda la sala dedicata al pianoforte storico con quattro esemplari di tipo viennese rispettivamente risalenti al 1795, 1819, 1822 e 1830. “Questi cimeli fanno parte della collezione Giuseppe Accardi – spiega il Direttore Artistico APM Ivano Scavino – Sono funzionanti, in stato ottimale e permetteranno agli studenti di rivivere i suoni che echeggiavano ai tempi di Mozart”.

 

Nella sala “Veracini”, invece, è stato installato un nuovo impianto Dolby Surround 5.1 garantendo un audio ottimale per ogni uso. Il locale, infatti, non sarà solamente destinato all’APM, bensì potrà essere sede di appuntamenti culturali organizzati da privati o dall’amministrazione comunale.

 

Decisamente rinnovata anche sala “Rossini” dov’è stato installato un fono assorbente, con tecnologia Sax Silent, direttamente tra le mura, mimetizzato da uno strato d’intonaco. La tecnica utilizzata ha permesso di massimizzare l’acustica mantenendo intatte ed inalterata la morfologia della sala. Durante la presentazione è stato proiettato un video realizzato dal Dipartimento Nuove Tecnologie – Sezione Video riguardante Casa Cavassa e la sua storia. Eccolo in versione integrale.

 

{youtube}hMFpDN42IZU{/youtube}