Grande partecipazione ad “Attente al lupo” a Bra | Proseguono le attività a sostegno della genitorialità dell’Asilo Nido

0
56

Tutto esaurito per il workshop “Attente al lupo” svoltosi sabato 10 marzo 2018 a Bra al centro di aggregazione giovanile di via Brizio.

Decine di giovani ragazze e tante mamme con figlie adolescenti hanno partecipato al laboratorio dedicato alla sicurezza personale e alla prevenzione della violenza di genere a cura della psicologa Silvia Spinelli e del formatore Bruno Garbi.

Durante le due sessioni (da quaranta partecipanti ciascuna, al mattino e al pomeriggio) sono stati forniti consigli per muoversi in sicurezza, indicazioni su quali segnali di pericolo possono essere colti in vari contesti, dalla famiglia alla scuola, sui mezzi pubblici o in luoghi poco frequentati.

Attraverso giochi, simulazioni e discussione in gruppo, i formatori hanno creato tra i partecipanti un clima accogliente e di fiducia che ha consentito anche alle più giovani di raccontare le loro esperienze e i loro vissuti condividendo con le loro mamme e il resto del gruppo paure e riflessioni sul tema.

“Il work-shop ci ha insegnato che l’80% delle aggressioni si possono evitare tenendo gli occhi aperti, mettendo in atto alcuni semplici comportamenti, cogliendo i segnali nelle relazioni disfunzionali ed utilizzando in modo corretto i social network”, hanno raccontato alcune partecipanti.

L’evento è stato organizzato dall’Asilo Nido con la Consulta pari opportunità nell’ambito delle iniziative di “Marzo donna”.

Proseguono intanto le attività a sostegno della genitorialità sempre promosse dall’Asilo nido: una cinquantina di genitori partecipano agli incontri del Circolo della sicurezza- parenting che si svolgono una volta al mese (con sessioni da due ore) con attività di gruppo che aiutano i genitori a conoscere meglio i bisogni dei loro figli e a migliorare l’empatia, la complicità, la relazione. Ogni settimana si ripetono anche gli appuntamenti dell’Arca di Noè e dell’Arca Special per accogliere nelle ore pomeridiane i piccoli che non frequentano l’asilo.