Educatori e assistenti sociali a scuola di intercultura | Mercoledì 14 febbraio il primo appuntamento del corso presso il Polo Universitario di Savigliano

0
207

A partire da mercoledì 14 febbraio dalle 9 alle 13, il Polo Universitario di Savigliano (Via Garibaldi, 6) ospiterà un corso di formazione sulle competenze interculturali rivolto ad assistenti, educatori e operatori sociali attivi sul territorio della provincia di Cuneo.

Il corso, dal titolo Comunità che cambiano. Competenze interculturali e pratiche filosofiche, si articolerà in quattro incontri e si concluderà nel mese di maggio.

Esso prevede lezioni di carattere teorico, dedicate a discipline quali la pedagogia interculturale, l’antropologia culturale, la filosofia sociale e il diritto, e un breve percorso laboratoriale che utilizzerà laPhilosophy for Communities– tecnica di dialogo e confronto di gruppo finalizzata a integrare competenze teoriche a contesti concreti. 

L’iniziativa fa parte dei progetti “CiPraC. Competenze interculturali e pratiche di comunità”e “Filosofia e Pratiche di Comunità 2.0. Formazione riflessiva e sviluppo interculturale”, realizzati dall’Università di Torino insieme ad una serie di stakeholders locali.

Nello specifico Comunità che cambiano nasce dalla collaborazione con il CeSPeC (Centro Studi sul Pensiero Contemporaneo) di Cuneo e con il Consorzio Socio-assistenziale Monviso Solidale ed è stato possibile grazie ad un contributo della Fondazione CRC e della Fondazione CRT.

Parteciperanno in qualità di docenti Paolo Monti (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Anna Granata (Università di Torino), Carlo Capello (Università di Torino), l’avvocato Fabrizio Gallo, Sergio Racca (Università di Torino), Nicolò Valenzano (Università di Torino), Gabriele Vissio (Università di Torino) e Federico Zamengo (Università di Torino). 

“L’obiettivo del corso, e più in generale dei nostri progetti sulle pratiche di comunità,–dichiarano gli organizzatori –è di mettere a disposizione degli operatori sociali un percorso per sviluppare specifiche competenze professionali in contesti a forte impatto interculturale.

L’aumento costante dei flussi migratori e la connotazione sempre più multiculturale delle nostre città ci pongono di fronte ad una realtà inedita, ed esigono uno sforzo costante per progettare nuove forme di intervento sociale.

Il Polo Universitario di Savigliano vuole giocare un ruolo propulsore su questi temi: l’iniziativa che proponiamo va nella direzione di avvicinare sempre di più il mondo della ricerca umanistica e quello delle professioni, con un occhio di riguardo alla realtà locale.”

I successivi appuntamenti del corso saranno mercoledì 14 marzo, mercoledì 11 aprile e mercoledì 9 maggio, sempre dalle 9 alle 13: per informazioni, scrivere a     

Le lezioni e i laboratorio sono gratuiti ed aperti anche ai cittadini interessati, e l’intera iniziativa è in corso di accreditamento presso il CNOAS (Consiglio Nazionale Ordine degli Assistenti Sociali).