Orizzonti: una giornata speciale per fare il punto sul progetto triennale organizzato dal Cfpcemon e finanziato dalla Fondazione CRC

0
408

La settimana scorsa presso la sala conferenze dell’Hotel “I Gelsi” a Mondovì, si è tenuto il convegno “Orizzonti” organizzato dal Cfpcemon per fare il punto sul progetto triennale (novembre 2015 giugno 2018) finanziato dalla Fondazione CRC che ha coinvolto grandi numeri tra aziende, studenti, genitori e insegnanti del territorio cebano monregalese.

Il progetto
I numeri dei primi due anni di questa sperimentazione sono stati importanti: complessivamente 1200 ragazzi coinvolti tra scuola primaria e scuola secondaria di primo grado, 16 aziende e 5 professionisti per un totale di oltre 60 visite aziendali e circa 50 insegnanti della scuola primaria che hanno aderito alla formazione e sperimentato in aula.
Anche geograficamente il territorio coperto è risultato rilevante: hanno aderito gli Istituti Compresivi da Mondovì a Ceva, da Villanova Mondovì a Garessio, con un ulteriore incremento nell’anno in corso.

I PERCORSI DI ESPLORAZIONE DELLE PROFESSIONI sono stati curvati in maniera differente in base ai loro destinatari: per i bimbi delle classi IV e V delle Scuole Primarie l’obiettivo era effettuare una prima esplorazione del mondo del lavoro, osservare direttamente il processo produttivo e l’ambiente di lavoro, conoscere personalmente i professionisti e gli strumenti di lavoro e respirarne la complessità.
Più scientifico invece il percorso rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di I grado: raccogliere dati interessanti, analizzare le informazioni relative al processo produttivo e all’organizzazione aziendale, individuare le competenze richieste alle diverse figure professionali, avviare la riflessione sui percorsi scolastici che sono la base delle professioni.

Il convegno, il saluto della Fondazione e la motivazione del progetto
Il convegno si è aperto con i saluti istituzionali da parte del Vicepresidente della Fondazione CRC Ezio Raviola che ha sottolineato quanto sia importante l’orientamento al fine di combattere la dispersione scolastica, seguito dall’esperta di Orientamento Paola Merlino che ha spiegato il perché dell’orientamento precoce: “Il mondo del lavoro cambia velocemente, un tempo si poteva scegliere il proprio posto di lavoro, oggi non è chiaro dove inserirsi, a volte è persino difficile definire la propria professione. Con questo progetto si vuole dare ai ragazzi, futuri lavoratori, gli strumenti per imparare a scegliere in una prospettiva di realizzazione del proprio progetto personale e lavorativo.”
Roberta Santi, esperta in ricerca e monitoraggio, ha inquadrato la situazione nel territorio rispetto al fenomeno della dispersione scolastica.

I dati e i ringraziamenti del Cfpcemon
Simonetta Bruno, referente Cfpcemon ha illustrato i dati e gli obiettivi di sviluppo di Orizzonti ma soprattutto ha trasmesso ai presenti la percezione della passione con cui tutti gli attori hanno partecipato a questo progetto ringraziando le scuole, le aziende ed i professionisti che hanno contribuito all’attività.

L’opinione delle imprese
Il punto di vista delle aziende è stato affidato agli interventi di Cristina Michelis (AD di Michelis Egidio SNC) e Cristian Vallazza (Responsabile di produzione presso la Solvay di Mondovì). Entrambi hanno espresso il loro entusiasmo sottolineando come l’impegno dedicato sia stato in realtà un investimento sia per il futuro dell’azienda stessa che per quello dei ragazzi. Accrescendo la conoscenza del mondo del lavoro e diffondendo un messaggio di trasparenza, il feedback immediato dei ragazzi ha permesso alle aziende di ricevere in cambio momenti di soddisfazione legati alla propria professione che hanno evidenziato una ricaduta positiva su tutto l’organico.

Il punto di vista dei ragazzi
Grazie ad una piccola video intervista girata presso la scuola primaria “Margherita e Fulvio Ivaldi” di Mombasiglio è stato possibile apprezzare anche la visione del progetto da parte dei bambini. Dopo essersi confrontati sulle visite effettuate, i lavoratori incontrati, la loro passione per quello che stavano facendo e anche ciò che di inaspettato hanno trovato in azienda, è capitato che alla domanda: “secondo voi perché avete fatto queste attività a scuola?” due bimbe abbiano lasciato il pubblico attonito con le frasi “La scuola ci insegna a crescere, crescendo si deve lavorare, il lavoro è una parte della vita… quindi…” e “Il lavoro ti deve piacere perché altrimenti diventa pesante e poi il lavoro è anche una dignità perché ti permette di fare molte cose.”
Passaggi ed affermazioni insomma che hanno stupito il folto pubblico in sala per maturità e completa coerenza con gli obiettivi del progetto.

Il grande lavoro delle insegnanti
In chiusura l’intervento appassionante della maestra Stefania Cucco dell’ IC Mondovì 1 ha permesso di comprendere il grande e concreto lavoro delle insegnanti della scuola primaria che collaborano alle attività e che per prime sono portatrici di innovazione e di nuovi modelli da sviluppare.

Le aziende e professionisti che hanno aderito
Il convegno si è concluso con la consegna di un riconoscimento alle aziende ed ad professionisti che hanno collaborato:
Agriturismo Ca’ del Duduro (Garessio) – Artech (Niella Tanaro) – Bressano Mobili (Villanova Mondovì) – Caseificio La Bottera di Riforano (Morozzo ) – Cantine Manfredi (Farigliano) – Ente di Gestione Aree protette delle Alpi Marittime (Valdieri) – Erika Chiecchio (Tecnico naturalistico che opera nel marketing) – Fag Artigrafiche (Dogliani ) – Gabriele Gallo(Scrittore – Meteorologo) – Gruppo Grancasa (Ceva) – Ivo Bruno( Cuoco) – Laboratorio di Andrea Giaccone Ebanista (Pamparato) Mariarosa Rossi (Guida turistica e organizzazione eventi) – Michelis Pastificio (Mondovì) – Mondovicino Outlet (Mondovì)- Occelli stagionatura Formaggi (Pamparato) – Paolo Michelis (Ingegnere – Cantante) – Sanbernardo S.p.A (Garessio) – Solvay (Mondovì) – Terme di Lurisia (Roccaforte Mondovì) – Valeo S.p.A (Mondovì)

Spettatori stranieri
Fra il pubblico erano presenti anche i 12 formatori provenienti da Austria, Lettonia e Spagna partner del progetto “GoVet – Guidance and orientation towards vet paths”, finanziato sul Bando Europeo “Erasmus+ – Azione KA2”.

 

Infine un ricco aperitivo a buffet offerto dai ragazzi del corso Collaboratore polivalente nelle strutture ricettive e ristorative, in svolgimento al CFP di Mondovì, ha concluso un pomeriggio ricco di soddisfazioni e di buone prospettive educative per il futuro.

Per informazioni dettagliate telefonare in orario di ufficio a CFPCemon n 0174701284
oppure visitare il sito web www.cfpcemon.it.