Cuneo – In Consiglio ancora il parcheggio di piazza Europa, Dalmasso: “Andremo avanti”| In tanti hanno chiesto alla Giunta di rivedere il progetto, definito da alcuni consiglieri “inutile” e “dannoso”

0
382

“Inutile”, “dannoso”, “allucinante”: sono alcuni dei termini utilizzati dai consiglieri comunali di Cuneo per definire il progetto del parcheggio sotterraneo di piazza Europa previsto nel Bando Periferie che il sindaco Borgna ha firmato a Roma nella giornata di lunedì 18 dicembre.

 

Qualche ora più tardi, in Consiglio comunale, si è parlato ancora del progetto, che sembra piacere a pochi. Attraverso un’interpellanza, Ugo Sturlese, di Cuneo per i Beni Comuni, ha chiesto alla Giunta se sia possibile riordinare i contenuti del progetto fin da subito, “considerando la presenza di una consistente opposizione nell’opinione pubblica cittadina, costituitasi in un Comitato, che ritiene l’intervento poco congruente con il Bando Periferie e con la necessità di ridurre il traffico nel centro cittadino”.

 

“In 24 anni, è la terza volta che si discute di questo intervento – ha commentato il consigliere Beppe Lauria -, e la cittadinanza ha sempre detto che non si doveva fare. C’era la possibilità di realizzare il parcheggio in piazza Foro Boario con i soldi del Pisu, ma l’avete persa. Auspico che possiate prendere in considerazione di demordere da una situazione allucinante, un progetto che non ha senso”.

 

Sull’argomento si sono espressi anche la consigliera Maria Luisa Martello di Cuneo Città d’Europa, che ha posto l’attenzione sull’aspetto ambientale (“C’è una mancanza di coerenza, le linee sono quelle di disincentivare il traffico sul suolo cittadino”), Laura Peano della Lega Nord (“E’ una presa in giro per i cittadini considerare questo progetto nel Bando Periferie, ed è in completa controtendenza rispetto a quanto fatto in via Roma”) e Manuele Isoardi di M5S (“Le alternative ci sono, il parcheggio in piazza Europa non serve a nessuno, peccato che l’abbiamo capito noi e non voi”).

 

A tutti ha risposto l’assessore Davide Dalmasso: “L’intenzione dell’amministrazione è di andare avanti in questa progettualità: attendiamo l’esito dello studio di fattibilità sull’area, poi ci confronteremo con la cittadinanza sul progetto, soprattutto per sgomberare il campo da alcuni vizi di fondo. Per esempio, si dice che non ci sarà più verde in piazza: un’inesattezza, perché probabilmente ce ne sarà anche di più. Non capisco le motivazioni di chi dice che l’intervento non ha senso, inoltre che il progetto sia destinato a peggiorare le condizioni di vita della gente non è scritto da nessuna parte. Anzi, ci sarà una riqualificazione di piazza Europa di cui si sente il bisogno”.

 

“Non sono affatto tranquillo, il dibattito è utile, ma mantengo tutta la mia ostilità rispetto a questa proposta – ha replicato Sturlese -. Mi auguro che ci siano lo spazio ed il tempo per arrivare a soluzioni di tipo diverso: noi non lasceremo nulla di intentato, perché preferisco perdere un finanziamento che adottare una soluzione sbagliata”.

 

g.d.