Anna Mantini (Lega Nord): “La Granda in classifica con le province a statuto speciale conferma che meritiamo più autonomia finanziaria”

0
465

La collocazione della provincia di Cuneo al 13esimo posto generale della classifica sulla qualità della vita appena stilata dal quotidiano Italia oggi, e nel contesto di una graduatoria dominata dalle province a statuto speciale di Bolzano e di Trento, è la conferma ulteriore di come si debba accelerare sulla via di una maggiore autonomia finanziaria e di governo del Piemonte.

 

La ricerca che accompagna i vari numeri, alla base della collocazione delle singole realtà provinciali nei vari settori economici e sociali, indica infatti che, laddove entra in gioco l’iniziativa privata e imprenditoriale, siamo sempre nel gruppo di testa a ridosso di altri territori più privilegiati dal punto di vista normativo e finanziario. Invece, quando entrano in gioco gli investimenti pubblici, scendiamo nella classifica, come nel caso dell’ambiente che è condizionato dai tagli alle risorse per strade, ferrovie e trasporti di linea.

 

Finora, alla lettura di ogni classifica che indicava e indica un posizionamento alto della provincia Granda nell’economia nazionale, una buona parte della politica ha pensato di potersi accontentare di dire che “tanto andava bene così” perché non ci serviva alcun “aiutino di Stato”. Così ragionando si è solo alimentato un clima di isolamento territoriale. All’opposto semmai, proprio perché il sistema locale è virtuoso e meritevole, con una maggiore autonomia può consolidarsi, salire ancora e rilanciare anche la regione a cui appartiene.

 

Viceversa, con un residuo fiscale medio di circa 2000 euro per ogni cittadino piemontese – la differenza fra quanto versa a Roma e quanto (non) riceve in servizi e investimenti – si continua solo in politiche che hanno tolto fondi a noi e peggiorato la condizione di altre zone del Paese, come crudamente i dati mettono in evidenza.

 

La lettura della classifica in cui ci collochiamo 13esimi è quindi un motivo in più perché la proposta di legge regionale della nostra consigliera Gianna Gancia – che da ultima Presidente eletta della Provincia contribuì agli attuali risultati – trovi il sostegno di tutta la comunità cuneese e porti al più presto a un referendum popolare per l’autonomia del Piemonte, come già con successo avvenuto in Lombardia e in Veneto.

 

Anna Mantini