Alba ha incontrato Soria, città spagnola con il tartufo nero

0
242

Un incontro tra due territori europei in cui è presente il tartufo nero si è svolto sabato 25 novembre nella sala Giunta del Palazzo comunale di Alba, dove il Sindaco Maurizio Marello con l’assessore alla Cultura ed al Turismo Fabio Tripaldi, insieme al presidente del Centro Nazionale Studi Tartufo Antonio Degiacomi ed al direttore dello stesso Centro Mauro Carbone ha accolto una delegazione di Soria, comune della Spagna e capoluogo dell’omonima provincia situata nella comunità autonoma di Castiglia e León.

Un gruppo composto dal presidente della provincia di Soria, Luis Alfonso Rey De Las Heras, dal vice presidente della provincia di Soria Esther Perez Perez, dal Sindaco di Soria Carlos Martínez Mínguez, dall’assessore del Comune di Soria Gustavo Encabo Corredor, dal tecnico provinciale Sebastian Llorente Llorente, dal Sindaco di Abejar Francisco Javier Romero Benito, dai tartuficoltori Antonio Garcia Hdez, Felipa Sanchez Espuelas e Jorge Regano Escuin accompagnati dall’interprete Chiara De Luca e dal giornalista Jose Maria Diez Garcia.

La delegazione proveniente da una zona della Spagna grande produttrice ed esportatrice di tartufo nero ed altri funghi verso la Francia ed altri paesi è stata ospite sul territorio albese dal 24 al 26 novembre 2017.
La visita è nata dall’incontro ad Expo Milano 2015, tra il Centro Studi Tartufi, l’Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero, la Fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba e Soria ricca di una gastronomia che dà ampio spazio ai prodotti della forestazione.
In tale occasione si è prospettata la possibilità di conoscere meglio le rispettive realtà e di scambiare le proprie esperienze.

«Siamo davvero molto contenti che sia nata un’amicizia tra la nostra città, il nostro territorio e Soria – ha detto il Sindaco Maurizio Marello agli ospiti – Ringrazio l’Ente Turismo ed il Centro Studi Tartufo per aver instaurato questo dialogo atto ad incrementare ulteriormente la nostra vocazione turistica. Durante l’anno arrivano da noi turisti da diversi paesi. A fine ottobre abbiamo ricevuto il riconoscimento ad Alba Creative City of Gastronomy che ci incita ad instaurare legami con altre città del mondo. Spero si possa creare una bella collaborazione anche con voi e di poter ricambiare la vostra visita».

«Con Parma – ha spiegato l’assessore alla Cultura ed al Turismo Fabio Tripaldi – stiamo realizzando il progetto del “Distretto Gastronomico Alba-Parma” e vogliamo espanderlo ad altri paesi. Alba è una città romana. All’inizio del ‘900 non era una città ricca come oggi, ma povera come descrive un bel libro di Beppe Fenoglio. Oggi è famosa per la Nutella e per la Ferrero. Inoltre, ci sono anche altri grandi aziende come la Miroglio con punti vendita anche in Spagna».

«Soria non ha difficoltà a collocare il proprio tartufo nero nel mondo – spiega il presidente del Centro Nazionale Studi Tartufo Antonio Degiacomi – Vorrebbe che questo prodotto avesse una maggiore ricaduta turistica sulla propria area. Vede un esempio nella valorizzazione turistica sviluppata negli anni da Alba attorno ai propri prodotti e alla gastronomia. Alba ha interesse a far crescere l’attenzione in Spagna verso le proprie specialità ed i propri paesaggi. Entrambe le realtà possono scambiare buone pratiche nella formazione in campo forestale e gastronomico, insieme alla possibilità di partecipare congiuntamente a progetti europei ambientali, scientifici e culturali».

«Il mondo del Tartufo in Italia e in Spagna ha dei punti in comuni – ha ricordato il direttore del Centro Studi Tartufo Mauro Carbone – In Italia abbiamo i cercatori, voi avete gli agricoltori. Sulla gastronomia abbiamo delle basi che possiamo sviluppare. Noi abbiamo appena aperto l’Accademia del Bocuse d’Or Italia e potremmo lavorare in sinergia per valorizzare insieme le nostre eccellenze. Potremmo creare un circuito per lo sviluppo di un network della cucina».

Piena disponibilità verso qualsiasi forma di sinergia è stata espressa dal presidente della provincia di Soria, Luis Alfonso Rey De Las Heras che ha assicurato piena collaborazione per l’instaurazione di un dialogo anche tra Alba e Burgos (Spagna) Città Creativa Unesco per la Gastronomia.

Durante la visita sul territorio albese, la delegazione spagnola ha visitato la Fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba, le mostre “Le colline davanti. Viaggio nelle terre di Langhe, Roero e Monferrato di Tullio Pericoli” e “De Truffle. Il Design Alessi incontra il Tartufo Bianco d’Alba”.

Il gruppo ha partecipato alla ricerca del tartufo con un trifolao ed il suo cane oltre a prendere parte ad un confronto con il Centro Studi, la Fiera e l’Ente Turismo sulle diverse problematiche del tartufo e della sua valorizzazione.
Un programma intenso con diversi appuntamenti accompagnati dal grande apprezzamento per la gastronomia ed i vini del territorio, in un clima costruttivo di grande cordialità in vista di prossimi impegni: il direttore dell’Ente Turismo e del Centro Studi Tartufo Mauro Carbone sarà nella giuria della prossima manifestazione di Soria ed uno chef di Soria sarà presente ad Alba nella Fiera 2018, in attesa di poter concretizzare la partecipazione a qualche progetto europeo.

Soria è un comune della Spagna di 38.004 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia, situata nella comunità autonoma di Castiglia e León. Si trova alla destra del fiume Duero, a 7 km dall’antica Numanzia in un paesaggio aspro e ondulato entro un’ampia gola fra le due colline del Miron, a nord, e del Castello, a sud. La città si estende dal confine naturale del fiume elevandosi verso ovest.
È una pittoresca cittadina ricca di monumenti romanici, già importante nel Medioevo per la sua posizione strategica che la poneva al confine fra i vari regni spagnoli. È sede vescovile con Burgo de Osma (diocesi di Osma-Soria). È argomento del poema La tierra de Alvar Gonzales del celebre poeta e letterato spagnolo Antonio Machado Ruiz (1875-1936), che visse a Soria e fu uno degli esponenti della cosiddetta “Generazione del 98”.

Sostenitore dei Repubblicani, fu inviso ai Franchisti e morì in esilio. L’economia della provincia di Soria si basa sull’agricoltura e sul turismo.
Vicina a Burgos, Città Creativa Unesco per la Gastronomia la cui cattedrale è patrimonio Unesco.