Grande successo per la festa patronale di Montefallonio

0
350

Un bel fine settimana, ancora quasi estivo, ha aiutato l’abituale successo della festa patronale di Montefallonio, a cura del numeroso e coeso comitato delle «Castagne matte» (anche se minima garanzia arriva ogni anno da grande struttura riscaldata).

 

Dopo i momenti religiosi, l’appuntamento più importante, la sera di sabato 7, è stato con la, sempre esauritissima, «Cena Tipica Monfaionese» (antipasti, ula al forno, bollito, formaggi, frutta, dolce, pane casereccio ed acqua, ma il vino non è stato fatto mancare). Domenica 8, dopo la Messa mattutina, nel pomeriggio, particolarmente piacevole ed affollata è stata la distribuzione di caldarroste, con i giochi per i bimbi. Momento immancabile (quest’anno con platea affollata, vista anche la temperature) resta il «Festival d’autunno», manifestazione canora, con tanti «dilettanti allo sbaraglio», ma non privi di capacità, presentati dalla organizzatrice, Mariella Trapani, la sua costante presenza scenica e disinvoltura, affiancata dal giovane, ma promettentissimo (tutto la zia), nipote Giosuè Trapani.

 

Il giovane rivoirese Matteo Giraudo, allievo della scultura con motosega resa celebre in zona da «Barba Brisiu», ha realizzato, con i resti di albero, pino, abbattuto, entro la recinzione della sede del Gruppo Alpino (impegnato a Saluzzo), una statua espressiva dedicata alle «Penne Nere».

 

I festeggiamenti continueranno questo sabato, 14. Alle 14 vi sarà la «Gara alla Petanque a sorteggio», escluso accoppiamenti AA – AB, (con bocce vuote). Alle 19.30 si terminerà con «polentata in allegria» (gradita resta la prenotazione ai numeri 340.1214251 o 347.1406248).