Storico trionfo per il Twirling Carrù a Torino

0
19037

Giornata storica quella di Sabato 20 Maggio per il Twirling Carrù che nella finale nazionale del campionato di Twirling Serie B e C svolto a Torino conquista non solo il titolo italiano nella categoria Free Style Junior con Valentina Massimino ma mette sullo stesso podio altro due atlete, Francesca Gabutti al secondo posto e Francesca Lasagna al terzo.

 

Tre esibizioni perfette per le atlete carrucesi che non si sono fatte prendere dall’emozione in una categoria numerosa e di qualità.

 

Quinto posto invece per la giovanissima Giulia Bruno nella categoria cadetti individuali serie C e poi ancora una fantastica medaglia di bronzo per il Gruppo Junior C composto da Michela Massimino, Giulia Rinaldi, Miriam Bellali, Sofia Stralla, Gaia Robaldo, Caterina Bianciotto, Nicole Bonino, Egle Meriggio, Giulia Petrini, Alice Cavarero, Matilde Milani.

 

Altro titolo nazionale conquistato anche Domenica 21 Maggio con il Team Cadetti composto da Bruno Giulia, Chiera Viola, Massimino Michela, Bianciotto Caterina, Bonino Nicole, Cavarero Alice, Milani Matilde, Raviolo Lucrezia, Stralla Sofia che con una esecuzione pulita e senza cadute vince il titolo di categoria.

 

La seconda giornata di gara si conclude con il quinto posto per il Team Junior Serie B composto da Gabutti Francesca, Lasagna Francesca, Massimino Valentina, Ndokaj Cleandra, Vietto Anastacia, Occelli Gaia, Tomatis Giulia, Gasco Susanna e con il sesto posto del Duo Vietto/Ndokaj nella categoria Junior.

 

Dalle parole del Presidente Maurizia Occelli è tangibile la felicità della società carrucese:
“Solo due parole possono descrivere questo fine settimana intenso: orgoglio e soddisfazione! Si perché per la prima volta nella storia della società vedere un podio tutto carruccese è davvero un’emozione forte, come la medaglia d’oro del team cadetti e quella di bronzo del gruppo Junior. Tutte quante le ragazze in campo sia nella serie C che nella B hanno comunque dato il meglio di se con delle ottime esecuzioni. Per cui un grande complimento alle nostre atlete e un grande grazie ai tecnici che stanno lavorando “su un sentiero” che sembra proprio quello giusto!”.

 

c.s.