Mantini (Lega Nord): “Polfer a Fossano, sanata una ferita lunga otto anni” | “Ma il Comune vigili sugli impegni assunti dallo Stato”

0
494

L’annunciato arrivo della polizia ferroviaria a Fossano, e il contestuale progetto di adeguamento dei locali al piano terreno della vecchia stazione FS, promette di sanare una ferita aperta fin dalla inaugurazione del Movicentro, avvenuta nel 2009 in pompa magna a opera delle amministrazioni di centrosinistra dell’epoca di Regione e Comune.

Non possiamo che rallegrarci delle notizie oramai ufficiali provenienti da Rete ferroviaria italiana per la riqualificazione di locali destinati, da quanto è dato sapere, a una decina di agenti di polizia.

La necessità di un presidio fisso e diretto nell’area delle due stazioni era evidente fin dal 2009 con l’apertura della nuova struttura che avrebbe assorbito gran parte delle attività dello storico edificio ferroviario, con la prevedibile conseguenza che le esigenze del presidio di sicurezza sarebbero dovute raddoppiare.
Sebbene in tutti questi anni le forze dell’ordine dello Stato abbiano cercato di supplire egregiamente alle oggettive carenze strutturali, l’attività delle amministrazioni di centrosinistra che si sono susseguite ha sempre oscillato fra la sottovalutazione del problema, o la presa d’atto dello stesso, e l’adozione di soluzioni come una gestione associata della polizia locale che ha solamente lasciato ancora più scoperto il territorio preferendo puntare tutto sulle classiche multe.
Per questo motivo, confermando la nostra piena e totale collaborazione a vigilare affinché Ferrovie dello Stato e Ministero dell’Interno tengano fede agli impegni assunti nei tempi e con le modalità pattuite, invito il sindaco e l’amministrazione cittadina a far mettere nero su bianco, in una prospettiva di medio e di lungo periodo, la garanzia che il futuro presidio di polizia ferroviaria non sarà interessato da manovre di spending rewiew alla cui imprevedibilità siamo stati oramai tristemente abituati dal 2011 a oggi dai governi non eletti a guida Pd.

Di certo, per quanto la riqualificazione sia importante e anzi doverosa, la stessa non dovrà poi restare una bella scatola vuota.