Ordigno bellico ritrovato dalla Guardia di Finanza di Domodossola

0
220

Nella mattinata del 02.05.2017, alle ore 10.00 circa, una pattuglia della Compagnia di Domodossola, ritrovava in località Mognata del comune di Varzo (VB), al km 132 della SS 33 del Sempione, nei pressi dell’uscita a monte della galleria Montecrevola, in un tombino di scolo dell’acqua, vicino la rete ferroviaria che passa a pochi metri dal ritrovamento, un ordigno bellico (bomba a mano MK II – c.d. “ananas”).

Dell’accaduto veniva immediatamente avvisata la Procura della Repubblica di Verbania, la Prefettura di Verbania, la locale Stazione dei Carabinieri ed il 32° Reggimento Genio Guastatori Torino della Brigata Alpina Taurinense, di stanza a Fossano.

Questi ultimi, alle ore 12,00 circa del 03.05.2017, prelevavano l’ordigno facendolo brillare nel poligono di tiro di Varzo.

I militari del Corpo provvedevano al piantonamento dell’ordigno, dal suo ritrovamento al suo prelevamento da parte degli artificieri ed alla messa in sicurezza dei luoghi.

Coordinavano inoltre tutte le attività di bonifica alla presenza di un’autoambulanza della Croce Rossa Italiana di Domodossola e di personale delle Ferrovie Federali Svizzere, responsabili per l’interruzione totale del tratto ferroviario Preglia-Varzo per il tempo necessario alle operazioni di prelevamento.

L’attività, eseguita da parte di militari del Corpo, a tutela dell’incolumità pubblica, scaturisce da un’attenta attività di prevenzione di traffici illeciti in zona di vigilanza doganale ed ha permesso di scongiurare ben più gravi conseguenze qualora l’ordigno fosse stato ritrovato da persone poco attente alle norme di sicurezza.

Sono ancora numerosi, infatti, i ritrovamenti di ordigni bellici risalenti alla seconda guerra mondiale ed è quindi alta l’attenzione da parte delle Forze dell’Ordine in tale settore. Sono in corso le indagini a carico di ignoti, sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, in ordine a quanto previsto dalla legge 895/1967.