Cuneo – Presentata la stagione sciistica 2016-2017: “Sarà l’anno del riscatto”| Atl e Cuneo Neve hanno illustrato la grande offerta del turismo invernale della nostra provincia

0
186

“Sarà la stagione del riscatto”: con questo auspicio è stata presentata a Cuneo nella serata di ieri, mercoledì 30 novembre, la stagione sciistica 2016-2017 della provincia Granda.

L’evento si è inserito all’interno della programmazione del Festival della Montagna, che si è chiuso proprio ieri. In una Sala Falco della Provincia gremita, Atl e Cuneo Neve hanno illustrato, anche attraverso la proiezione di alcuni video, le innumerevoli offerte che le splendide montagne cuneesi offrono: sport invernali, ma anche relax, benessere, buona tavola e divertimento notturno.

 

A fare gli onori di casa il direttore dell’Atl Paolo Bongioanni, che in avvio ha chiesto alla sala di alzarsi e di tributare un minuto di silenzio in ricordo della squadra di calcio brasiliana del Chapecoense, i cui componenti sono quasi tutti scomparsi nella tragedia aerea di qualche giorno fa in Colombia. Poi ha preso la parola Lido Riba, presidente dell’Uncem: “Mi fa molto piacere che il Festival della Montagna abbia ospitato questa presentazione – ha detto -, perché l’Uncem rappresenta la montagna in tutti i sensi, anche per quel che riguarda lo sport”.

 

Rocco Pulitanò, assessore provinciale, ha sottolineato come il comparto neve sia da valorizzare, “perché in Granda è inferiore solo a quello manufatturiero. Abbiamo montagne dove si può sciare in libertà, a misura di famiglia e per tutti i livelli”. “Ci auguriamo che sia una stagione importante per tutto il comparto – ha aggiunto Mauro Bernardi, presidente dell’Atl del Cuneese -: le stazioni sciistiche se lo meritano, speriamo che il meteo sia favorevole e che questa sia la stagione del riscatto dopo un anno difficile. Tutti insieme dobbiamo spingere in questa direzione, perché il turismo sta diventando sempre più importante per la nostra provincia. Non abbiamo nulla da invidiare ad altri, le nostre montagne sono un gioiello”.

 

Prima di passare la parola all’assessore regionale Antonella Parigi, Bongioanni ha ricordato che la ricaduta del turismo invernale sul nostro territorio si aggira intorno ai 200 milioni di euro, ed è destinato a crescere. “L’anno scorso è stata una stagione complicata – ha spiegato l’assessore Parigi -, ma la montagna è un aspetto importantissimo per la nostra regione. C’è bisogno di investimenti della Regione e dello Stato per renderci più competitivi, su questo non c’è dubbio. Il Piemonte si è preso un impegno che comincerà nel 2017 con interventi importanti, perché ci tengo a sottolineare che l’investimento sulla montagna rende viva la montagna”. “E’ bello trovarci a Cuneo per presentare questa stagione – ha aggiunto Fabio Bergia, presidente della sezione Turismo di Confindustria Cuneo -, dobbiamo essere tutti uniti per uscire da un momento difficile come quello vissuto lo scorso anno. Tutti insieme: le vallate, con al centro Cuneo, la loro capitale”.

 

Cresce e si rafforza sempre di più il marchio Cuneo Neve: oltre ad aver ampliato la compagine delle stazioni aderenti, ha consolidato un’importante collaborazione con l’Atl del Cuneese per la promozione delle proprie strutture e delle attività in programma. Fanno parte di Cuneo Neve 11 stazioni sciistiche per un totale di 166 piste, sulle quali sono attivi 71 impianti di risalita per 311 chilometri di tracciati a disposizione degli amanti della neve.

 

L’offerta delle nostre montagne è davvero enorme: in Valle Vermenagna Limone Piemonte e il suo comprensorio della Riserva Bianca (80 Km e 41 piste), Vernante con il suo centro fondo illuminato anche in notturna. Nel monregalese il Mondolè Ski, con le stazioni sciistiche di Artesina, Frabosa Soprana e Prato Nevoso (oltre 120 km di piste). E poi Sangiacomo Cardini Ski (35 km di piste), St. Grée di Viola con piste molto tecniche per la discesa, Luirisia Terme (30 km di piste da discesa e anche fondo, oltre alle terme).

 

In Valle Pesio ecco il Centro Fondo Marguareis a Chiusa Pesio; in Valle Gesso Entracque con piste da discesa e da fondo; in Valle Stura Festiona ed Aisone e i loro centri per il fondo ed Argentera (20 Km di piste per la discesa); in Valle Grana disponibili percorsi per escursioni con racchette da neve e sci alpinismo, a Pradleves pista da pattinaggio su ghiaccio coperta. In Valle Maira Canosio, Marmora, Prazzo ed Elva con le loro piste da fondo, ma possibilità anche per lo sci alpinismo e le racchette da neve. In Valle Varaita Bellino, Casteldelfino, Chianale e Valmala per lo sci nordico, Ponte Chianale e Sampeyre per lo sci alpino. In Valle Po Paesana e la sua stazione di sci alpino di Pian Munè, ma anche il fondo ad Oncino. E poi Rucaski a Bagnolo Piemonte e a Crissolo piste per la discesa e per il fondo. 

In chiusura della presentazione, sono stati consegnati i premi assegnati da Cuneo Neve e Atl agli atleti che si sono particolarmente distinti nella passata stagione nelle discipline invernali. A premiare anche l’allenatore di marcia Sandro Damilano, vincitore di 24 medaglie tra Mondiali e Olimpiadi.

 

I premi Cuneo Neve, riservati allo sci alpino, sono andati a Marta Bassino, Carlotta Saracco, Alberto Blengini, Giulia Currado Vietti, Nicolò Cerbo, Marco Abruzzese e Francesco Colombi.
I premi Atl Cuneo sono invece stati assegnati ad interpreti delle altre discipline: per il biathlon Andrea Baretto, Luca Ghiglione, Gaia Brunetto, Matteo Vegezzi Bossi, Francesco Vigna, Stefano Canavese, Marco Barale; per lo sci nordico Daniele Serra e Lorenzo Romano e per il bob Giovanni Mulassano.

 

Gabriele Destefanis