Serie D: Cuneo, l’impresa è compiuta! De Sena al fotofinish stende il Chieri dal dischetto

0
149

Sembrava impossibile, ma è accaduto. Il Cuneo non gioca bene nell’anticipo della dodicesima giornata al “De Paoli” contro il Chieri, ma costringe al primo ko stagionale la capolista con un rigore di De Sena al 90’, portandosi momentaneamente al quarto posto in classifica nel girone A di Serie D.

 

Proprio là, dove nessuno aveva ancora gioito, i biancorossi certificano la loro definitiva rinascita: non sarano bellissimi, ma sono maledettamente vincenti, secondo il più consueto “spirito Iacolino”.

 

Iacolino che, in tribuna dopo l’espulsione della scorsa domenica contro il Gozzano, affida a mister Tonino un undici che rimedia all’assenza per squalifica di Rizzo spostando Campana sull’esterno della difesa. Per il resto, solito schieramento, con Orofino a sostegno di De Sena e dell’ex D’Antoni. Nel Chieri, invece, assente bomber Pasquero. Manzo si affida alla fantasia di D’Iglio e agli spunti di Messias e Poesio per provare a scardinare la retroguardia biancorossa. In difesa il duo di colossi Cacciatore-Gueye.

 

L’andamento dei primi 45’ è in un certo senso inversamente proporzionale all’attesa per il match del “De Paoli”: le squadre si adeguano al grigiore del sabato novembrino e si affidano perlopiù a lanci lunghi o a passaggi imprecisi, che regalano davvero poco spettacolo. A dettare i ritmi sono soprattutto i padroni di casa, che riescono a creare qualche scompiglio alla difesa cuneese, però, solo attorno alla mezzora, quando un doppio allungo di Messias libera prima D’Iglio al tiro (palla di lato di un nonnulla, unica vera emozione del primo tempo) e poi costringe Campana al giallo per limitare i danni. Il Cuneo, dal canto suo, gioca soprattutto in ripartenza, sfruttando la buona vena di Orofino e la caparbietà di De Sena, ma si rende pericoloso solo con una punizione di Togni respinta dalla barriera (forse con un braccio).

 

A ravvivare il match ad inizio ripresa ci pensa proprio il Cuneo, che entra in campo con ben altro piglio, costringendo la capolista sulla difensiva. Dopo un’azione convulsa nell’area chierese che D’Antoni non riesce a concludere, è proprio Campana, l’homo novus della giornata, a mettere i brividi ai tifosi del “De Paoli”: Messias svirgola un rinvio, la palla arriva al terzino, che calcia a botta sicura con il destro, trovando la provvidenziale risposta di Benini che mette in angolo. Il leone, stuzzicato, ruggisce: appena 3’ dopo è Poesio, ben servito in verticale da D’Iglio, a toccare di prima intenzione sottoporta, trovando il provvidenziale intervento di Gomis in uscita.

 

Fino al quarto d’ora, i ritmi sono elevati, poi tornano ad abbassarsi. Il Cuneo ci prova, senza mai rendersi pericoloso, mentre i padroni di casa patiscono il pressing asfissiante dei biancorossi. Quindi, quando il match sembrerebbe essere destinato ad uno spento 0-0, ecco il colpaccio. A trasformare un grigio sabato di campionato in un giorno entusiasmante per il Cuneo sono due neo-entrati: all’89’, Martino riesce a scodellare al centro un pallone da sinistra, trovando l’inspiegabilmente solo Corsini, che prova a saltare Benini e viene atterrato in area. Il Sig. D’Amato non ha dubbi: rigore per il Cuneo, nonostante le molte proteste del “De Paoli”. Dal dischetto va Carmine De Sena (essendo già uscito D’Antoni), per un penalty che pesa come un macigno: tiro forte, che Benini sfiora ma non intercetta. 0-1, senza altro tempo per modificare le sorti di un incontro segnato al suo capolinea.

 

La banda cuneese vince con il settimo centro del suo bomber e ringrazia l’effetto Iacolino, che ha già prodotto dieci punti su dodici. Ad oggi, i biancorossi sono quarti in classifica, con 21 punti ed a -3 dalla vetta (la prossima domenica sarà Varese-Chieri): ora si può tornare a sognare.

 

Chieri-Cuneo 0-1
Reti: 45’st rig. De Sena (Cu)

 

Chieri: Benini, Venturello, Benassi, Campagna, Cacciatore, Gueye, Messias, Poesio, Broso (19’st Miello), D’Iglio, Anastasia. Allenatore: Manzo.
Cuneo: Gomis, Toscano, Campana, Rosso, Quitadamo, Conrotto, Orofino (32’st Corsini), Togni (41’st Palazzolo), D’Antoni (35’st Martino), Papa, De Sena. Allenatore: Tonino.
Arbitro: Sig. D’Amato di Siena
Ammoniti: Campana (Cu), Papa (Cu), Poesio (Ch), Miello (Ch), Conrotto (Cu)

 

Carlo Cerutti