La linea ferroviaria Saluzzo-Savigliano verso la riapertura: “Si procede a piccoli passi”

0
374

Correva l’anno 2012 e l’intero bacino saluzzese si trovò di fronte ad una scelta dell’allora giunta regionale che li costrinse a cambiare i piani della loro vita quotidiana; l’eliminazione della tratta ferroviaria Saluzzo – Savigliano, la messa in “standby” dei locali della stazione ferroviaria di Saluzzo e un doveroso rinforzo del trasporto pubblico locale su gomma su questa tratta che era di competenza della Provincia di Cuneo, bus che però ovviamente, impiegano più tempo per percorrere i 13 km che separano le due città.

 

Nei giorni scorsi è arrivata una notizia che forse ogni saluzzese che lavora o studia a Torino o che comunque si trova a dover viaggiare quotidianamente facendo quella vita che prende il nome di “pendolare” attendeva: ritorna il treno a Saluzzo. In realtà non c’è ancora un ufficialità ma l’assessore ai trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco ha detto che si sta lavorando con Trenitalia per far ritornare alla luce alcune tratte non funzionanti come appunto la Savigliano-Saluzzo. «Nel 2017 – ha detto l’assessore Balocco – chiuderemo un contratto che durerà 10 anni con Trenitalia, se non sarà entro la fine del 2017 la riapertura arriverà nel 2018».

 

Va aggiunto anche che comunque i binari di questa tratta sono in buono stato e, ovviamente con i dovuti interventi di messa in sicurezza, pronti all’uso dato anche per il trasporto viaggiatori non solamente per il trasporto merci come capita ora per trasportare la legna alla Cartiera Burgo di Verzuolo.

Sul tema torna anche il sindaco di Saluzzo Mauro Calderoni che tramite Facebook dice, senza sbilanciarsi, che l’impegno è chiaro anche se nulla è certo ma si procede a “piccoli passi”, piccoli ma molto importanti.

 

Redazione Ideawebtv.it