Conclusa la Coppa del Mondo di Skiroll: fratelli Becchis ancora protagonisti

0
229

Fratelli Becchis protagonisti in Coppa del Mondo a Trento dove nel weekend si è consumato l’ultimo atto della Coppa del Mondo iniziata ad Oroslavje in Croazia dove ad inizio luglio si era disputata la prima prova.

Trasferte al nord Europa in Svezia e Lettonia nel mese di agosto ed infine a Trento dove si è conclusa in questo weekend.
Emanuele Becchis protagonista ancora una volta nella prova sprint dove ha vinto, nel centro di Trento, davanti al russo Voronin e terzo Alessio Berlanda. Francesco Becchis non è stato così brillante in queste tre giornate giungendo tre volte al nono posto.

 

La vera sorpresa di questa tappa è stata la più piccola di famiglia Becchis, Chiara, classe 1999 che gareggia nella categoria juniores femminile. Dopo essere giunta appena 15a nella prova sprint di venerdì si è ampiamente riscattata nelle altre due giornate con un quarto posto nella prova individuale in tecnica classica ma soprattutto con il 3° posto nella prova mass start dietro alle svedesi Malin Boerjesjoe ed Emma Larsson.
La coppa del Mondo si chiude con la vittoria finale di Robin Norum (Svezia) che concede il bis nella categoria senior maschile ma che vede Emanuele Becchis sul terzo gradino del podio preceduto anche dall’altro svedese Eirik Silfver. Nella categoria junior maschile anche Francesco conclude al terzo posto preceduto dai due svedesi Marcus Fredriksson e Alfred Buskqvist.

 

Nel prossimo weekend ancora Trento protagonista nello skiroll con i Campionati italiani sprint dove sabato 17 settembre Emanuele cercherà di portare a casa per la quarta volta consecutiva il titolo italiano assoluto nella prova sprint. Domenica è prevista una prova in tecnica classica con salita al Monte Bondone valevole per la Coppa Italia che si concluderà a Bobbio (PC) il 15 e 16 ottobre.
Attualmente Emanuele Becchis guida la classifica provvisoria di Coppa Italia davanti al fratello Francesco e Chiara occupa il 3° posto della classifica assoluta dietro alle sorelle Bolzan.