Serie D: Cuneo, niente tre punti. Ad Inveruno è 0-0 | Sull’esito del match pesa il “rosso” a Conrotto al 59′

0
351

Tentenna ancora il Cuneo, che, nella seconda giornata di Serie D girone A, non va oltre lo 0-0 sul campo del bell’Inveruno, bravo a gestire il controllo del pallone ed a mettere in difficoltà i biancorossi.

 

Fraschetti opta per due variazioni rispetto all’undici scelto contro il Varese alla prima giornata: dentro Quitadamo e Cotroneo, fuori Toscano e Radoi. Questi, quindi, i titolari scelti dal tecnico biancorosso: Gomis; Quitadamo, Conrotto, Procida, Rizzo, Cotroneo; Togni, Papa, Orofino; D’Antoni, De Sena.

 

Qualche cambio ma è l’atteggiamento a non convincere ancora soprattutto nella prima frazione: il Cuneo fatica ad avere in mano le redini del gioco ed è spesso in balia del giro palla dei padroni di casa, che sfiorano in almeno tre occasioni la rete del vantaggio, lasciando le briciole, a livello di azioni pericolose, agli ospiti.

 

Biancorossi “in bianco” negli ultimi 25 metri e lontani dalla prima rete in campionato. Una constatazione che spinge Fraschetti ad una scelta chiara dopo i primi 45’ per lanciare un segnale alla squadra: out D’Antoni, apparso ancora lontano dalla migliore condizione, e Cotroneo, sostituiti dalla rapidità di Radoi e da Mondino.

 

Le scelte tecniche, almeno nel primo quarto d’ora, sembrano fare la differenza: l’undici biancorosso è più frizzante e si rende pericoloso prima con Radoi e poi con Togni, i cui tiri terminano però out. Sembra il preludio per un secondo tempo all’attacco ma a cambiare le carte in tavola è un cartellino: al 14’, Conrotto, già ammonito, riceve il secondo giallo dal direttore di gara e lascia la squadra in dieci, costringendo così Fraschetti al cambio forzato Togni-Toscano per ristabilire l’ordine nella retroguardia.

 

L’uomo in meno non spaventa, comunque, i biancorossi, che si rendono ancora pericolosi ma che devono fisiologicamente abbassare leggermente il proprio baricentro, affidandosi ad alcuni buoni interventi di Gomis attorno alla mezzora. Segue un quarto d’ora di puro sacrificio, con il Cuneo che si chiude e che lotta su ogni pallone per strappare almeno il primo punto dell’anno.

 

Ed il punto arriva, lasciando con sé, però, ancora molte incertezze ed un tabellino da guerra: quattro ammoniti cuneesi (contro i due dell’Inveruno), oltre al rosso, pesante, per capitan Conrotto, che non ci sarà, quindi, contro la Caronnese, reduce da un pari ed una vittoria. Zero reti all’attivo, ma forse il pari era il massimo ottenibile in dieci contro undici, in attesa di tempi migliori.

 

Inveruno-Cuneo 0-0
Inveruno: Maimone, Olivares (37’st Galli), Mangili, Morao, Nava, Botturi, Repossi (22’st Locatelli), Lazzaro, Bosio, Chessa, Bugno (10’st Truzzi). Allenatore: Achille Mazzoleni.
Cuneo: Gomis, Quitadamo, Rizzo, Cotroneo (1’st Mondino), Conrotto, Procida, Orofino, Togni (16’st Toscano), D’Antoni (1’st Radoi), Papa, De Sena. Allenatore: Fabio Fraschetti.
Ammoniti: Rizzo (C), Repossi (I), Botturi (I), De Sena (C), Toscano (C), Quitadamo (C)
Espulsi: al 14’st Conrotto (C) per somma di ammonizioni

 

Carlo Cerutti