E’ Tequila la regina alla 44esima mostra regionale della Frisona di Saluzzo | Una parata d’eccellenza davanti al pubblico delle grandi occasioni

0
662

Tre allevamenti del Torinese e due del Cuneese hanno dominato la scena alla 44esima mostra regionale della Frisona di Saluzzo che ha incoronato regina Tequila della Magnolia di Venaria.

Una gara di altissimo livello sotto ogni profilo – tecnico, morfologico, genetico e genomico – che ha visto il pubblico trattenere il fiato fino all’ultimo, come se si trattasse di una finalissima di Miss Italia.

Il giudice unico, Giuseppe Beltramino, al momento di assegnare ufficialmente il titolo di campionessa assoluta, ha compiuto più volte il giro del ring scrutando per l’ennesima volta le candidate. Un vero show all’interno dello splendido Pala Crs saluzzese gremito come uno stadio, favorito anche dall’eccezionale lunedì estivo che ha accompagnato la tradizionale Fiera di San Chiaffredo.

Alla fine, quando già mezzogiorno era passato da un pezzo, è arrivato il verdetto: è Tequila a conquistare la coccarda più ambita, davanti a un’altra star della stessa azienda agricola Magnolia, Tenera. Menzione d’onore a Vela di Oitana.

Presenti alla premiazione il presidente dell’associazione regionale allevatori Roberto Chialva con il direttore Tiziano Valperga, il presidente della sezione Frisona Livio Diale, il vicesindaco di Saluzzo Franco Demaria e il presidente della fondazione Bertoni – che cura con il Comune l’allestimento della rassegna – Enrico Falda. “Una mostra di straordinario livello – sottolinea Chialva – che ha richiamato una folla d’altri tempi. Saluzzo si conferma con pieno merito capitale della Frisona in Piemonte e dà ulteriore lustro alla sua dimensione di polo agricolo e zootecnico di eccellenza”.

 

Detto delle regine, vediamo gli altri principali premi a chi sono andati. Campionessa manze e giovenche è Zumba, della Magnolia.

Migliore mammella delle vacche adulte è la già citata Tenera; tra le vacche giovani si impone Uganda dell’azienda agricola Baisano di Airasca, azienda che conquista anche il premio per il miglior soggetto per indice genetico, con Zaia.

Migliore capo per kg proteine è Sara, della Passione Holstein di Vanessa Rossi di Caraglio. A Quolina di Muri Holstein di Caraglio va il titolo per il miglior soggetto per produzione per giorno di vita. Ed ecco la classifica assoluta degli allevatori: al primo posto la Magnolia di Venaria, secondo a Oitana di Scalenghe, terzo a Ceresetta di Savigliano, quarto a Muri Holstein di Caraglio, quinto a Vanzetti di Candiolo.
Riconoscimenti e diplomi d’onore infine ai giovani che hanno dato vita allo Junior show, mostrando di saper mandare avanti la tradizione di famiglia con visione del futuro.