Collisioni 2016: anche il Ministro Maurizio Martina a Barolo il 16 luglio

0
140

Un grande cantiere di creatività, musica, letteratura, cinema ed enogastronomia, quello che aprirà a Barolo nel weekend di Collisioni sabato 16 e domenica 17 luglio, tra concerti internazionali, conferenze di premi Nobel della letteratura, ma anche momenti di educational e divulgazione dedicati ai grandi prodotti dell’agricoltura italiana, dal Piemonte alla Sicilia, passando per Liguria, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, Puglia, Basilicata.

Attese decine e decine di migliaia di giovani, e creativamente coinvolti in prima linea nel festival i ragazzi del Progetto Giovani di Collisioni, oltre 400 giovani che da tutta Italia saranno impegnati a sperimentare nuovi linguaggi e nuove forme di comunicazione per raccontare i grandi vini e i grandi ingredienti delle cucine regionali italiane, tra musica, videomaking, fotografia, social-media, fumetto e teatro.

 

Il Ministro Martina è atteso sabato alle ore 18:00 a Collisioni presso il palco del Castello di Barolo per riflettere sul tema fondamentale del rapporto tra creatività dei giovani e necessità di innovare i linguaggi di comunicazione e storytelling dell’agricoltura italiana. I giovani – nativi digitali- rappresentano infatti una risorsa preziosa per non rimanere indietro su temi salienti quali la digitalizzazione dei prodotti e dei paesaggi, lo storytelling dei social-network, la promozione turistica dei territori che al momento rappresenta per l’Italia una risorsa economica fondamentale con un incremento esponenziale negli ultimi anni dell’enoturismo e del turismo gastronomico.

 

Di contro, la promozione agricola e del paesaggio può rappresentare un’opportunità importante di impiego lavorativo per le nuove generazioni, evitando la loro dispersione all’estero, o in occupazioni lontane dal loro corso di studi. A dialogare con Maurizio Martina, saranno Giacomo D’Arrigo, Direttore di Agenzia Nazionale Giovani e i ragazzi del Progetto Giovani di Collisioni.