Fontanafredda celebra il 19 luglio i 158 anni di fondazione

0
585

Le spettacolari tenute di Fontanafredda, a Serralunga d’Alba, nascono ufficialmente il 17 giugno 1858, giorno in cui diventano patrimonio privato di Vittorio Emanuele II, il “Re gentiluomo”.

Ma non è che l’inizio di una storia ultracentenaria: la campagna acquisti di terreni e proprietà proseguirà fino al 1877, seguita l’anno successivo dalla nascita ufficiale della casa vinicola “E. di Mirafiore”, nome che resterà in vigore fino al 1931, quando l’intero possedimento prenderà il nome di “Tenimenti di Barolo e Fontanafredda”.

 

Da allora, ogni anno, Fontanafredda ama celebrare e ricordare la data del proprio compleanno inframezzando momenti particolarmente intensi, come l’occasione del 155esimo anniversario, nel 2013, quando i festeggiamenti della ricorrenza toccarono tutto il mondo con una serie di iniziative di degustazioni e promozioni di vini proposti da ristoranti ed enoteche, a cui per l’occasione si aggiunsero i centri della catena Eataly, le navi da crociera MSC e i Club Med.

 

Per il 158esimo compleanno, com’era già successo nel 2015, Fontanafredda ha scelto di celebrare il proprio anniversario con una cena speciale ospitata martedì 19 dalla pizzeria 480° Gradi, a Bra. Per l’occasione, la squadra guidata da Roberto Noia, general manager del locale di piazza XX settembre 32/A ha ideato una focaccia celebrativa (rucola selvatica, verdurine croccanti, tartare di cruditè di Ricciola, essenza di limoni di Sorrento, zenzero e olio EVO in uscita), da abbinare idealmente a “Hundred-Fifty-Eight”, una bollicina in edizione limitata creata per l’occasione, prodotta con uve Pinot Nero e Chardonnay.

 

Alla serata, a cui prenderanno parte i vertici di Fontanafredda, è abbinata una lotteria che mette in palio due magnum di prestigiosi vini prodotti a Serralunga d’Alba: un Alta Langa e un Contessa Rosa Riserva. Per partecipare è sufficiente acquistare una bottiglia di Hundred-Fifty-Eight e scrivere il proprio nome sul tappo.La serata è aperta a tutti, e il menù celebrativo della serata – che abbina un calice di vino alla focaccia (al costo di 15 euro) non è comunque vincolante.