Asti-Cuneo e variante di Demonte: Confindustria Cuneo offre supporto tecnico

0
166

Si è parlato delle grandi opere della provincia di Cuneo nell’incontro  svoltosi  martedì  19  aprile  a  Torino,  presso  la  sede  del  consiglio regionale del Piemonte, tra i vertici della Confindustria Cuneo e del Piemonte con  l’assessore  regionale  alle  Infrastrutture,  Francesco  Balocco.  

 

Sul  tavolo, in   particolare,  le  vicende   relative  all’autostrada   A33  Asti-Cuneo   e  alla variante  di  Demonte. A  discutere  con  l’assessore Balocco  sono  intervenuti  il presidente di Confindustria Cuneo Franco Biraghi, il direttore Giuliana Cirio e il  Segretario  generale  di  Confindustria  Piemonte,  Paolo  Balistreri.  Nel  corso dell’incontro, Confindustria Cuneo si è offerta per dare un supporto tecnico al fine di trovare una soluzione che sblocchi l’impasse legata alla realizzazione delle due opere.

 

L’intento  è  quello  di  mettere  sul  tavolo  un  doppio  progetto  che  conduca  alla realizzazione delle due fondamentali infrastrutture, con un basso impatto ambientale e limitati costi di esecuzione: “In particolare, con il recepimento del Codice degli appalti che rende impossibile la proroga delle concessioni autostradali senza gara d’appalto –afferma il presidente di Confindustria Cuneo, Franco  Biraghi – crediamo sia giunto il momento di puntare su altre soluzioni per terminare l’Asti-Cuneo, dimenticandoci una volta  per  tutte  del  tunnel  sotto  la  collina  di  Verduno,  che  a  detta  di  molti  tecnici informati in materia è irrealizzabile, puntando su un progetto che dia la possibilità alla concessionaria  di  portare  a  termine  l’opera  velocemente,  con  costi  accettabili  e soprattutto inferiori rispetto all’attuale progetto. Il nostro supporto tecnico sarà messo a  disposizione  della  Pubblica  amministrazione  anche  per  la  futura  realizzazione  della variante  di  Demonte,  opera  indispensabile  nell’interesse  di  cittadini  e  imprese,  per snellire  il  traffico  pesante  lungo  il  colle  della  Maddalena. Ringraziamo  l’assessore Balocco per la sua disponibilità”.