Serie D: Ostica trasferta in casa della Fezzanese per il Bra. DIRETTA SU IDEAWEBTV.IT

0
357

In casa della Fezzanese, dove vincere è assoluto imperativo. Smaltita (si spera) la batosta subita al “Bravi” la scorsa domenica contro la Lavagnese, il Bra ricerca se stesso ed un risultato positivo a Sarzana, sul campo della penultima della classe.

 

Ricercare se stessi, innanzitutto. Questo è il monito che guiderà i giallorossi nella ventiduesima giornata di Serie D, naturale conseguenza delle parole del tecnico Massimo Gardano nel post-partita del match contro la Lavagnese. L’allenatore si era infatti detto sconcertato dell’involuzione patita dalla squadra nel giro di appena quattro giorni, dal pareggio “scintillante” dell’Epifania sul difficile campo del Rapallo Bogliasco all’anonimo 0-3 patito contro i bianconeri liguri.

 

Del resto, in momenti di crisi d’identità come questi, lavorare sulla propria personalità risulta essere l’unica strada percorribile: il Bra è (non solo sulla carta) più forte della neopromossa Fezzanese e lo dimostrò già all’andata, quando strapazzò gli spezzini con un sonoro 4-1 (tripletta di Ferrario e sigillo di Di Savino).

 

Il percorso della Fezzanese è stato fin qui altalenante, forse in linea con le previsioni di una società promossa quasi a sorpresa lo scorso anno dall’Eccellenza ligure: 13 punti, frutto di quattro vittorie ed un pareggio. Spulciando tra le statistiche del girone, tre sono i dati che saltano maggiormente all’occhio: i liguri sono la peggior difesa del campionato “per distacco”, con ben 51 reti subite (2.43 di media a partita); hanno subito il maggior numero di sconfitte (16, ovvero più dei tre quarti delle partite giocate) ed hanno il secondo peggior attacco, con appena 15 reti all’attivo, nemmeno una a partita, insomma (Baudi il migliore con 6 centri).

 

Dati che evidenziano palesi carenze e che mettono in luce la necessità per il Bra di giocare una partita perfetta. Unica possibile insidia il fattore campo: il terreno di gioco è piccolo e la trasferta a Sarzana è anche una delle più lunghe del girone. Possibile, quindi, che il lungo viaggio influisca sulle gambe dei giocatori giallorossi, anche perché i liguri hanno ottenuto le quattro vittorie attuali sempre tra le mura amiche.

 

Un’insidia che un Bra a pieno regime può spazzare via ma Gardano pone l’accento soprattutto sulla propria squadra: “Credo che in momenti come questi serva soprattutto la testa, nel senso di concentrazione. È stata una settimana difficile, perché la prestazione di domenica ci ha sbattuto la realtà in faccia. Non è facile riprendersi da un simile ko, tanto più se patito in casa. È un momento così, frutto di una stagione particolare, che non sta andando esattamente come ci aspettavamo. Sembra retorica, ma vivere con una squadra sempre a mezzo regime (nuova probabile ricaduta per Carretto, ndr) non è semplice. A fine stagione ognuno tirerà poi le somme, ma ad oggi mancano ancora diciassette partite: ho visto situazioni peggiori ed il mio compito è quello di tenere alti impegno e determinazione. Abbiamo difficoltà oggettive, per cui occorre stare tranquilli, riconoscere i propri limiti e dare il massimo”.

 

Questo il possibile undici scelto dal tecnico, che potrebbe optare a sorpresa per il 4-3-1-2: Diouf; Di Savino, Piscopo, Prizio, Spera; Mazzafera, Ottonello (o Chiazzolino), Amato; Mulatero (forse dietro le punte dal 1’), Erbini, Ferrario.

 

RICORDIAMO CHE IDEAWEBTV.IT SEGUIRA’ LA PARTITA FEZZANESE-BRA CON LA CONSUETA DIRETTA TESTUALE A PARTIRE DALLE 14.15. STAY TUNED!

 

Serie D girone A – il programma della ventiduesima giornata (domenica 17/1, ore 14.30)
Derthona-Acqui
Fezzanese-Bra
Rapallo Bogliasco-Chieri
Pinerolo-Castellazzo Bormida
Lavagnese-Gozzano
Ligorna-Oltrepovoghera
Novese-Pro Settimo & Eureka
Borgosesia-Sestri Levante
Argentina-Sporting Bellinzago
Caronnese-Vado

 

Classifica
Caronnese 47, Lavagnese 44, Sporting Bellinzago 44, Chieri 41, Gozzano 40, Pinerolo 40, Sestri Levante 37, Oltrepovoghera 36, Argentina 35, Derthona 30, Bra 30, Pro Settimo & Eureka 24, Borgosesia 24, Rapallo Bogliasco 22, Ligorna 20, Vado 19, Novese 17, Acqui 15, Fezzanese 13, Castellazzo Bormida 11.

 

Carlo Cerutti