SPECIALE 2015 IN GRANDA – SAVIGLIANO: “Un anno di grandi sforzi” | Ideawebtv.it rivive il 2015 delle “sette sorelle” attraverso le parole dei loro primi cittadini: partiamo con Claudio Cussa

0
473

Il mese di dicembre è quello dei bilanci e dei propositi. Bilanci di un anno che sta finendo, propositi per quello nuovo che si affaccia, con tutte le sue incognite ma anche con tante nuove speranze. Che 2015 è stato per la nostra provincia? Proviamo a capirlo passando in rassegna le principali città della Granda attraverso le parole dei loro primi cittadini. Partiamo da Savigliano e dal bilancio del suo sindaco Claudio Cussa.

 

Sindaco, che anno è stato per Savigliano?

E’ stato un anno difficile, perché anche Savigliano ha avuto delle situazioni complicate, soprattutto per quanto riguarda aziende in difficoltà. E’ stato un anno nel quale i grandi sforzi da parte dell’amministrazione comunale sono andati sul sociale: abbiamo istituito cose innovative, è stato fatto un grande lavoro sulle borse lavoro, è stato istituito un tavolo dell’occupabilità che si è occupato in modo specifico di queste tematiche, dando risultati importanti. Sono stati fatti progetti per il futuro per cercare di risolvere queste situazioni difficili che si sono venute a creare“.

 

Quindi un bilancio del 2015 tutto sommato positivo?

Sì, io lo ritengo un anno positivo e importante. Come Giunta abbiamo puntato molto sulla partecipazione attiva dei cittadini: un sabato al mese andiamo nelle frazioni, poi facciamo il giro dei quartieri, abbiamo un confronto aperto con la cittadinanza. Credo che questo sia un altro dato davvero importante“.

 

Qual è stato il momento più bello del 2015, quello che ricorda con maggiore soddisfazione?

Sicuramente quando sono partiti i lavori del terzo lotto del Mellea. La messa in sicurezza del sistema idrogeologico è stata una cosa davvero importantissima. Nel 2008 c’erano state importanti esondazioni del fiume, quest’anno sono partiti finalmente i lavori del lotto che attraversa il Borgo Marene, quello inondato in quell’anno. Io ero assessore ai Lavori Pubblici nella giunta precedente e avevo già seguito questa questione, è stato un lavoro lungo e difficile, ma che ha dato risultati. Un risultato importante arrivato dopo lunghe battaglie alla ricerca di finanziamenti. Finalmente sono stati avviati i lavori, che avranno la loro conclusione verso la tarda primavera del 2016. Dal punto di vista degli investimenti penso che questo sia il più importante del 2015. Poi ci sono state altre belle soddisfazioni, come il rilancio del turismo, anche grazie all’apertura di strutture come il Muses, il museo di erbe e spezie che sta dando ottimi risultati. Altra cosa molto positiva è il grande lavoro di territorio che stiamo facendo in collaborazione con gli altri sindaci, in particolare con quelli di Fossano e Saluzzo: è un bel modo per far capire che se non ci muoviamo insieme come territorio non risolviamo i problemi. E poi ricordo con soddisfazione e piacere alcuni interventi in campo sociale, dove forse siamo più in difficoltà, ma abbiamo risolto delle piccole questioni che ci hanno gratificato, perché quando vedi famiglie in difficoltà e riesci a risolvere il problema, è una soddisfazione forte. E’ chiaro che purtroppo non si possono risolvere tutte le situazioni, però noi stiamo lavorando molto. Il nostro assessore al Sociale sta facendo un lavoro eccezionale anche con idee innovative, che in questo campo non guastano mai“.

 

E invece il momento più brutto, di maggiore difficoltà di questo 2015, se c’è stato?

I momenti di difficoltà ci sono sempre. In particolare quando abbiamo dovuto tagliare dal fondo di solidarietà 435 mila euro, a luglio; abbiamo dovuto inventarci delle situazioni per riuscire a chiudere il bilancio del 2015 e per non andare a ritoccare le aliquote de nostri cittadini, che sono già abbastanza bastonati. I problemi ci sono tutti i giorni, ma credo di poter dire che li abbiamo affrontati e superati bene grazie anche alla coesione della nostra squadra, di cui sono contento“.

 

Il 2016 è alle porte. Quali sono gli obiettivi per il nuovo anno?

L’obiettivo principale è quello di intervenire sulle scuole per ridurne i costi di gestione e per metterli in sicurezza sotto tutti i punti di vista. Faremo un intervento importante su una scuola Media, con un investimento di 800 mila euro. Altra cosa importante sarà il restituire alla città un palazzo storico, che ormai da anni è in fase di restauro, Palazzo Muratori Cravetta: un altro gioiello che andrà ad arricchire il vasto assortimento della nostra città. E poi il bilancio, che la Giunta ha già approvato, e una grande attenzione al sociale e agli aspetti culturali“.

 

GDS