Bianco e Miroglio scommettono su Alba: in arrivo 300 posti di lavoro

0
519

Il Consiglio comunale di Alba esaminerà ad inizio dicembre la domanda di deroga al Piano regolatore per la riqualificazione dell’ex area industriale Miroglio Textile situata in strada Tagliata e corso Asti. Il sito – comprendente l’ex palazzina direzionale (il cosiddetto Palazzo di Vetro) e circa 120 mila metri quadrati di terreni – è stato oggetto di un’offerta di acquisto da parte di Bianco Spa che intende ristrutturare e riconvertire l’area da tempo in disuso per trasferirvi il proprio centro direzionale e alcune attività industriali ad essa collegate.

 

«Grazie all’importante intervento di riqualificazione urbana del sito di strada Tagliata – spiega Giuseppe Bernocco, presidente del Gruppo TCN e della controllata Bianco Spa – Alba e i comuni limitrofi beneficeranno di una progressiva crescita dei livelli occupazionali, senza trascurare i positivi effetti a livello ambientale che l’ambizioso progetto apporterà a questa porzione del tessuto produttivo locale. L’investimento rientra all’interno di un piano triennale approvato dal board del Gruppo, finalizzato alla creazione di un nuovo polo produttivo nel settore del meccano-tessile e della meccanica di precisione. Qui troveranno spazio attività altamente innovative come la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie per le lavorazioni nel campo del tessile, lo studio e la progettazione di linee per il packaging e per la manipolazione del prodotto, nonché la meccanica di precisione applicata alla costruzione di componentistica industriale. Ad intervento ultimato, entro l’anno 2018, il numero degli addetti sfiorerà la quota di 300 unità». Il gruppo, attualmente presente in Italia, Cina ed India occupa oggi alle proprie dipendenze 220 persone tra operai, impiegati e quadri, ai quali si sommano gli oltre 45 lavoratori assunti attraverso agenzie interinali. Tutti numeri destinati ad aumentare, di pari passo con la crescita aziendale.

 

Il Gruppo Miroglio ha accolto con soddisfazione il progetto della Bianco Spa che va a riqualificare un’area da tempo in disuso. «Per quanto ci riguarda – sottolinea Giuseppe Miroglio, presidente del Gruppo – concentreremo le nostre energie sulla valorizzazione della storica sede di via Santa Barbara, confermando il forte legame con il territorio che connota la nostra storia fin dalle origini. Tra le idee che ci guidano c’è il desiderio di aprire l’azienda alla città, favorendo l’utilizzo al pubblico di alcuni spazi. Per fare un esempio, stiamo pensando ad un percorso espositivo che racconti l’evoluzione del tessuto e della moda italiana attraverso la storia sessantennale del Gruppo Miroglio. Un luogo di memoria, di ricerca, di studio e di racconto del nostro saper fare, aperto al pubblico italiano e internazionale, alle scuole come al mondo del business».

 

c.s.