Asti: sabato il 4° Convegno Regionale “Ritroviamo nel vino il Patrimonio Unesco”

0
266

Sabato 24 ottobre alle ore 9,30 presso il Polo Universitario Asti Studi Superiori (Asti Area Fabrizio De Andrè) Onav sezione regionale del Piemonte organizza il IV Convegno regionale dal titolo “Ritroviamo nel vino il Patrimonio Unesco”.

A poco più di un anno dall’iscrizione dei paesaggi vitivinicoli del Piemonte tra i siti patrimonio Unesco dell’umanità, alcuni esperti tracciano un percorso ideale che partendo dalle caratteristiche territoriali, alla cura del paesaggio, alle buone pratiche dell’agricoltura arriva a identificarsi nei vini prodotti in loco. Dopo i saluti introduttivi del pro-presidente, del direttore e del delegato regionale Onav, dell’Assessore Regionale all’Agricoltura, dell’Assessore Regionale all’Ambiente, del direttore Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero, del presidente Associazione per il Patrimonio dei paesaggi vitivinicoli e del vice presidente Annalisa Conti i lavori del convegno.

 

Vincenzo Gerbi, Professore Ordinario all’Università di Torino sul tema Le potenzialità dell’enologia di territorio; Dora Marchi, biologa presso il Centro Ricerche applicate allo sviluppo enologico Enosis Meraviglia di Fubine (Alessandria) con Influenza del territorio sulla componente volatile dei vini; Enzo Cagnasso, docente della Scuola Enologica di Alba con Vedere il territorio nel vino; Marco De Vecchi, Presidente Osservatorio per il paesaggio del Monferrato ed Astigiano su Paesaggio e vino: un connubio indissolubile. Testimonianza significativa sulla comunicazione del territorio e dei suoi aspetti storici, culturali, turistici quella di Alberto Fumi, direttore del quotidiano on-line www.langheroeromonferrato.net nato nell’ottobre 2014 nella previsione di raccontare al meglio il territorio. Moderatore del convegno Piera Genta, giornalista.
A seguire una degustazione guidata dal prof. Gerbi di alcuni vini significativi del territorio: Arneis, Barbera, Ruché, Nebbiolo e Roero. La partecipazione al convegno è gratuita, mentre la degustazione ed il buffet sono riservati ai soci Onav con un contributo di Euro 25.