Cheese 2015 – Petrini: “Diciamo no al formaggio con il latte in polvere!” | Ha preso ieri il via la 18ª edizione della rassegna dedicata al latte e ai formaggi

0
405

Ha preso ieri il via la decima edizione di Cheese, la manifestazione organizzata da Slow Food e Città di Bra dedicata al mondo del latte e dei formaggi che ogni due anni anima la cittadina braidese.

Generosità e restituzione del valore al cibo: questi i temi fondamentali ricordati da Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, durante l’inaugurazione ufficiale, per la prima volta tradotta nella lingua dei segni: “In questo momento una carovana enorme sta attraversando l’Europa a piedi, altri muoiono nel Mediterraneo senza nemmeno fare notizia. Noi siamo qui a parlare di formaggi e di Made in Italy ma non scordiamoci che il sistema alimentare italiano senza i migranti non sta in piedi. Non va dimenticata la nostra storia, noi siamo un popolo di migranti e la vera Europa si costruisce sulla generosità e sulla solidarietà”.

 

E poi, entrando nel vivo della manifestazione: “Siamo al 18esimo anno di Cheese e il settore caseario è in estrema sofferenza, come possiamo pagare 35 centesimi un litro di latte e pensare che il sistema alimentare sia sostenibile? Abbiamo quindi bisogno di una svolta politica che permetta di difendere le produzioni locali dicendo un no forte alla produzione di formaggio con latte in polvere e chiedendo di ridurre la burocrazia: è assurdo che si passi più tempo sulle carte che nei campi!“.

Tema dell’edizione 2015 è Alle sorgenti del latte, per nutrire il pianeta, con un focus sul ruolo della montagna, ma anche sulle storie dei giovani che hanno scelto di vivere e lavorare tra le vette, le valli e gli alpeggi per cambiare vita e ripercorrere le orme dei loro avi. Li incontriamo tra le centinaia di stand nel Mercato dei Formaggi, insieme ai tanti Presìdi Slow Food e agli affinatori da tutto il mondo che ogni due anni si danno appuntamento a Bra. Anche nelle proposte della Gran Sala dei Formaggi, dove ospite è la produzione lattiero-casearia della Spagna, a cui abbinare i calici dell’Enoteca, con centinaia di etichette italiane scelte dalla Banca del Vino di Pollenzo. Non mancano i punti ristoro con le Cucine di strada, i Food Truck, la Piazza della Birra e quella della Pizza.