Rubano il whisky in discoteca e vengono denunciati dai carabinieri | Due giovani avevano prelevato le bottiglie da un locale di Cuneo

0
270

Sono stati numerosi, negli ultimi giorni, gli interventi dei Carabinieri presso negozi, supermercati e centri commerciali ubicati in provincia di Cuneo per prevenire e contrastare episodi di taccheggio o veri e propri furti perpetrate da bande organizzate durante l’orario di apertura al pubblico.

 

Complessivamente sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria (Procura della Repubblica di Cuneo ed Asti) 18 persone (molte delle quali con precedenti penali specifici alle loro spalle) che ora dovranno rispondere, a seconda dei casi accertati dai militari, dei reati di furto aggravato, qualcuno in concorso con altri complici e molto spesso anche del reato di possesso di arnesi atti da scasso utili a disattivare i dispositivi antitaccheggio installati sui prodotti più costosi messi in vendita presso le strutture commerciali prese di mira, quali cacciavite, pinze o semplici fermali per capelli da donna. Recuperata e restituita ai legittimi proprietari in totale refurtiva del valore di oltre 2mila euro, tra cui un computer portatile, cosmetici, generi alimentari di vario tipo, capi d’abbigliamento griffati e molte bottiglie di alcolici (in particolare tra quelle più rubate dagli scaffali il Barolo ed il Whisky).
          

 

Tra i vari interventi eseguiti dai carabinieri in provincia di Cuneo da segnalare in particolare la denuncia di due giovani, uno di nazionalità albanese e l’altro argentino, i quali erano riusciti ad impossessarsi di alcuni bottiglie di superalcolici (whisky) del valore di 200,00 euro all’interno di una nota discoteca alle porte di Cuneo l’altra notte ed il caso di un giovane romeno che a Bra aveva rubato all’interno di un negozio d’abbigliamento vari capi griffati da uomo del valore di oltre 500,00 euro, bloccato però all’uscita dai carabinieri.