Eccellenza: Un giusto pareggio tra Olmo e Albese

0
121

Domenica 18 gennaio 2015 – ore 19.27 – Non sa più vincere, l’Albese, e dopo la sconfitta esterna con il Cavour prima della sosta natalizia e lo sfortunato pareggio interno con il Castellazzo, non va oltre il pari neppure nella trasferta di Madonna dell’Olmo, contro una squadra reduce dal colpaccio di Narzole e in serie positiva da sette domeniche.

Se nel match interno con gli alessandrini l’undici di Giancarlo Rosso aveva pagato a caro prezzo la sterilità offensiva, contro i ragazzi di Pengue i langaroli giocano una buona gara, vanno in vantaggio ma peccano di cinismo non riuscendo a chiudere la gara nella prima frazione nonostante le buone occasioni create, subendo nella ripresa il ritorno dell’Olmo che, dopo aver trovato il pareggio con l’ex Ligotti, rischia di vincere sfiorando in pieno recupero il colpaccio. Rivoluziona per 5/11 la formazione che aveva superato il Benarzole, mister Pengue. fuori Amos Pepino, Nicolino, Manfredi, Oggero e Mingione, dentro Colombero, Bima, Sciatti, Quagliata e Ballario. Sul fronte Albese out gli squalificati Praino e Bellan, si registra l’esordio dal primo minuto di Colla che va a formare, con Galvagno e il rientrante Gallesio, un giovanisimo centrocampo.

 

Eppure l’Albese non pare patire l’iesperienza della sua mediana, prendendo, dopo un velleitario tiro alto di Lerda, il sopravvento, occupando bene ogni spazio, aggredendo con determinazione gli avversari e trovando il vantaggio al 21′ quando Cornero, tra i più positivi dei suoi pesca perfettamente al centro Poli la cui conclusione non lascia scampo a Campana. La rete galvanizza i langaroli che continuano a premere e al 27′ Campana deve superarsi in uscita per chiudere lo specchio a Delpiano, ben lanciato da Poli verso la porta cuneese. Alla mezz’ora è ancora bravo l’estremo difensore locale opponendosi con un buon riflesso ad una girata da distanza ravvicinata di Delpiano, ma l’ultima occasione della prima frazione di gioco è di marca cuneese con Tarantini che deve volare per deviare in angolo una velenosa punizione di Balsamo.

La ripresa si apre con l’Albese ancora in avanti decisa a chiudere al più presto la contesa, ed al 9′ Campana deve rifugiarsi in angolo su un insidioso tiro/cross di Cornero, preludio al miracolo che l’estremo difensore di casa compirà al 13′ su una splendida conclusione a giro ancora di Cornero. L”Albese pare avere la gara in mao, al 17′ lo scatenato Cornero, con una bella iniziativa personale, mette Delpiano nelle condizioni di battere a rete da buona posizione, ma la conclusione dell’attaccante albese termina alta di un soffio. Quando si sbaglia troppo, il rischio di venire puniti è altissimo, ed ecco che al 22′ Colombero dalla sinistra offre un pallone invitante per l’ex Ligotti; controllo dell’ex attaccante di Rivoli e Cavour, tiro a incrociare fulminante e Tarantini è beffato.

 

Da qui inizia per le due squadre un’altra partita, l’Albese cala vistosamente e l’Olmo attacca con maggiore convinzione. Al 28′ Balsamo serve in profondità Ballario ma l’attaccante non trova il tempo giusto per battere a rete. Al 43′ rischia grosso l’Albese quando Quagliata serve in fascia Ballario, invito in area per Dalmasso la cui conclusione viene deviata da un difensore in calcio d’angolo, ma rischia ancora di più in pieno recupero quando una punizione dal limite di Balsamo va a colpire il palo esterno, ancitipando di qualche secondo il triplice fischio finale dell’arbitro.

 

OLMO: Campana, Colombero, Bianco, Bima, Pepino M., Sciatti, Quagliata, Lerda M., Balsamo, Ballario, Ligotti Ligotti (23’st Dalmasso).
A disposizione: Marengo, Nicolino, Fresia, Manfredi, Mingione, Lerda F., Allenatorte: Sebastiano Pengue.

ALBESE: Tarantini, Gambino, Sinato Mat.,, Gallesio, Roveta, Galvagno, Cornero, Colla Colla (29’st Boggione), Sinato Man., Delpiano Delpiano (45’st Daziano) , Poli. A disposizione: Grosso, Depaulis, Cocito, Cappello, Grimaldi. Allenatore: Giancarlo Rosso.

ARBITRO: Gandolfo di Bra
RETI: 21′ Poli (A); 22’st Ligotti (O)