Confartigianato lancia l’allarme sicurezza nel Cebano

0
359

Troppi furti nelle imprese artigiane. Vertice in Prefettura con i rappresentanti provinciali delle Forze dell’ordine

Venerdì 16 gennaio 2015 – 16.45

Le imprese artigiane del Cebano, già in difficoltà per il perdurare della crisi, stanno sempre più soffrendo per il  peggioramento delle condizioni di sicurezza sul territorio in cui operano”.

L’allarme, partito da Confartigianato Imprese Cuneo, ha trovato pronta risposta da parte del Prefetto Giovanni Russo, il quale nella mattinata del 15 gennaio ha incontrato nei suoi uffici una delegazione dell’Associazione cuneese, alla presenza dei massimi esponenti delle Forze di polizia provinciali: il questore Giovanni Pepè, il comandante di Carabinieri Flavio Magliocchetti e il comandante della Guardia di Finanza Francesco De Angelis.
Tema centrale dell’incontro, la necessità di contrastare i crescenti fenomeni di criminalità nel Cebano, attivando maggiori controlli e intensificando la collaborazione tra territorio e forze dell’ordine.   

 

Le aziende artigiane – ha spiegato Sergio Rizzo, presidente della zona di Ceva di Confartigianato – stanno vivendo una situazione di vero e proprio assalto da parte di bande di malviventi che, in modo sistematico, li hanno presi di mira. La situazione è divenuta insostenibile, c’è bisogno con urgenza di ristabilire un clima di maggiore sicurezza sia per gli imprenditori che per i cittadini”.

 

Prefetto e rappresentanti delle Forze dell’ordine, richiamando l’attenzione sul valore della collaborazione con le realtà territoriali, hanno assicurato la loro massima attenzione alla problematica, intensificando quelle attività di indagine e controllo mirate ad arginare il fenomeno criminale.