Serie D: il Bra ospita la Lavagnese per il sorpasso; Cuneo in trasferta a Novi Ligure. DIRETTE SU IDEAWEBTV.IT

0
97

Sabato 10 gennaio 2015 – ore 17.40 – Prima giornata del girone di ritorno e punti che iniziano a farsi incredibilmente pesanti. Cuneo e Bra si presentano al giro di boa con appena tre punti di differenza e tanta voglia di confermare i successi di sette giorni fa, ma per farlo occorrerà vincere la resistenza di Novese e, soprattutto, Lavagnese.

 

Iniziamo proprio dalla delicata sfida che attende i colori giallorossi, impegnati nella seconda gara casalinga consecutiva contro i bianconeri di Lavagna, distanti appena un punto in classifica. Superato il primo testa a testa contro il Borgosesia sette giorni fa con un sonoro 3-0, i braidesi sono quindi chiamati ad un altro esame di maturità, che, così come il precedente, ha tutta l’aria d’essere un confronto decisivo per la zona playoff. Troppo importante, infatti, sarebbe centrare il successo, che consentirebbe non solo di scavalcare in classifica gli avversari di turno, ma soprattutto di relegarli ai margini del treno che porta ai piazzamenti pesanti, ormai ridotto ad otto squadre e attualmente guidato dalla Caronnese a quota 39 e chiuso dall’ultimo vagone rappresentato dal Sestri Levante a 32, a sua volta con 2 punti di vantaggio su Sporting Bellinzago e Borgosesia.

 

Il precedente stagionale tra le due compagini è difficile da dimenticare: era domenica 7 settembre 2014 quando i liguri diedero un battesimo di fuoco al nuovo Bra firmato Gardano, rifilando ai giallorossi un sonoro 5-1, frutto delle reti di Croci, Currarino (2), Marianeschi e Boggiano e dell’inutile sigillo di Mazza, ma viziato dalla pesante espulsione di Diouf a metà gara.

 

Domani al “Bravi” ci sarà tutt’altro Bra, rafforzato da un girone d’andata giocato ad alti livelli e certo di non essere inferiore all’avversario di turno, reduce, per altro, dal pesante 2-0 patito contro l’Oltrepovoghera e orfano di vittorie da più di un mese (ultimi tre punti strappati al Vado, nel 2-1 del 7 dicembre scorso).

 

Certo è, come sottolinea puntualmente Gardano, che non sarà nemmeno il Bra di sette giorni fa, quello che scenderà in campo contro i bianconeri, mutilato qual è dalle pesanti squalifiche di Benci, Strumbo e Osella e dalle assenze di Silvestri (l’ecografia di lunedì farà chiarezza sui suoi tempi di recupero) e dei lungodegenti Bonvissuto e Valeriano. Fuori insomma tutte e tre le pedine chiave della retroguardia che costringono il tecnico a reinventarsi il reparto arretrato. “Non avere a disposizione Silvestri e, soprattutto, gli squalificati Benci e Strumbo limita certamente il nostro potenziale – commenta il mister – ma sarà anche un’occasione per chi ha avuto meno spazio per dimostrare di essere importante per il gruppo. La Lavagnese è squadra ostica e sicuramente da “prendere con le molle” dopo il 5-1 rifilatoci all’andata: il fatto che non vincano da un mese non ha troppa importanza perché ogni partita ha storia a sé e va presa in considerazione come tale. Il nostro obiettivo? Certamente, da domani vorremmo cercare di riuscire a subire meno reti e di riprendere quella continuità che avevamo nel girone d’andata e che abbiamo perso in parte nel mese di dicembre”.

 

Sulla formazione, quindi, i dubbi principali riguardano il reparto arretrato, nel quale è forte il ballottaggio Carli-Bonvissuto, con il primo favorito viste le ultime ottime prestazioni, ma nel quale, soprattutto, si dovrà trovare una spalla ideale per Lombardo, unico difensore centrale a disposizione del tecnico. Ecco il probabile undici: Carli in porta; Mazza, Lombardo, Provenzano (o Mazzafera) e Affinito in difesa; Mazzafera (o appunto Provenzano), Pirrotta e Chiazzolino o Nicolini a centrocampo; Banegas, De Peralta e Varvelli (che ha recuperato dalla botta subita contro il Borgosesia) in attacco. Certo, quindi, il probabile arretramento in difesa di un centrocampista, con il giovane Mazzafera (che ben ha figurato in quel ruolo nei 20’ finali di domenica scorsa) o Provenzano tra i papabili.

 

Interessante anche la sfida che attende il Cuneo, impegnato sul campo della Novese, squadra dello storico ex Matteo Longhi. I biancorossi sono al momento, senza ombra di dubbio, la squadra più in forma del campionato, reduci dal pesantissimo successo contro la capolista Caronnese, e devono sfruttare al meglio il loro eccezionale stato di forma per non buttare al vento tutto il percorso fatto fin qui. Avversari degli Iacolino boys saranno appunto gli azzurri alessandrini, reduci dal recente cambio alla guida tecnica, con il passaggio delle redini della squadra a Salvatore Mango, che ha subito fatto sentire la sua presenza, guidando Longhi e compagni al pesante successo per 2-0 nel derby con il Derthona. A fare da contorno all’interessante sfida, lo stadio “Costante Girardengo”, vera e propria casa dei novesi, che hanno raccolto tra le mura amiche 17 degli attuali 22 punti in classifica, con i quali si collocano al tredicesimo posto.

 

Mister Iacolino avrà la squadra quasi al completo, con le sole assenze dei lungodegenti Menon e Sillano, ma dovrà fare a meno anche dello squalificato Carretto, espulso nel big match con la Caronnese. Questa quindi la probabile formazione cuneese: tra i pali Cammarota, in difesa Quitadamo, Conrotto, Alasia e Corteggiano; in mediana Cecchi e Lodi, con Romano e Montante; davanti, come sempre, França-Soragna. A disposizione anche il nuovo arrivo, il centrocampista italo-argentino Hector Pablo Garin.

 

RICORDIAMO, COME SEMPRE, CHE LA REDAZIONE SPORTIVA DI IDEAWEBTV.IT SEGUIRA’ ENTRAMBE LE SFIDE CON LA CONSUETA DIRETTA TESTUALE A PARTIRE DALLE 14.15. STAY TUNED!

 

Serie D – Il programma della ventesima giornata (domenica 11/1, ore 14.30)
Rapallo Bogliasco-Acqui
Caronnese-Asti
Oltrepovoghera-Borgomanero
Sestri Levante-Borgosesia
Sporting Bellinzago-Chieri
Novese-Cuneo
Argentina-Derthona
Bra-Lavagnese
Pro Settimo & Eureka-Sancolombano
Vallée d’Aoste-Vado

 

Classifica
Caronnese 39, Pro Settimo & Eureka 37, Cuneo 36, Chieri 35, Lavagnese 34, Oltrepovoghera 34, Bra 33, Sestri Levante 32, Sporting Bellinzago 30, Borgosesia 30, Acqui 25, Argentina 25, Novese 22, Asti 22, Vado 21, Sancolombano 21, Derthona 16, Vallée d’Aoste 12, Rapallo Bogliasco 12, Borgomanero 5.

 

Carlo Cerutti