Per la linea Asti-Alba “poche speranze di ripristino”

0
119

Lo dichiarano i consiglieri regionali M5S Mighetti e Valetti

Venerdì 7 novembre 2014 – 18.00

Il piano triennale dei trasporti presentato dall’assessore regionale Balocco prevede di mettere a gara alcune linee secondarie soppresse, tra cui Asti – Alba e Castagnole – Alessandria. Inserendo anche queste linee minori nel progetto, gli operatori interessati otterranno maggiori punti al fine di poter vincere l’appalto.

 

Si tratta, senza dubbio, di una scelta positiva da parte dell’assessorato ma non senza preoccupanti controindicazioni – affermano Paolo Mighetti e Federico Valetti, consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle (il secondo anche vice presidente della commissione Trasporti) – Infatti al momento sono pochissimi gli operatori ferroviari in grado di competere su appalti così grandi. E’ ragionevole pensare che vi parteciperanno appena due o tre soggetti. Quindi sarà sufficente un tacito accordo tra i partecipanti per escludere la rivalutazione di queste linee secondarie”.

 

Inoltre – aggiungono – per le linee del sud Piemonte sopraccitate s’aggiunge un ostacolo ulteriore rappresentato dall’impraticabilità della galleria tra Barbaresco e Neive, motivo per il quale erano state sospese. L’eventuale messa in sicurezza della galleria non è inclusa nell’appalto e non vi è interesse economico a realizzarla per RFI. Tantomeno la Regione Piemonte ha predisposto fondi necessari.

 

Avremmo preferito – concludono – che l’assessorato avesse incluso nell’appalto i costi del ripristino delle infrastrutture oppure avesse dedicato risorse proprie allo scopo. In mancanza di questo le aspettative generate nei territori rischiano di restare semplici illusioni”.

 

Leggi anche:

Regione, l’obiettivo è potenziare il trasporto su ferro

 

Redazione