Seconda Divisione: Cuneo, 2-2 con la Virtus Vecomp Verona. Ai playoff 180′ con il Delta Porto Tolle

0
315

Domenica 4 maggio 2014 – Ore 18.50 – Ed ora, sotto con i playoff. Il Cuneo fa il proprio compito e, seppur con qualche brivido finale, si garantisce il post-season per sognare ancora la Lega Pro unica: i biancorossi fanno 2-2 con la Virtus Vecomp Verona, venendo rimontati due volte e giocando 45′ in inferiorità numerica, condannando gli scaligeri alla Serie D e chiudendo all’undicesimo posto nel Girone A.

Al primo turno dei playoff sarà scontro di 180′ con il Delta Porto Tolle, con la prima sfida in casa e con l’obbigo di dover vincere nel doppio confronto, a causa della classifica sfavorevole.

 

Tutto questo frutto di un match in bilico fino all’ultimo così come molti degli incontri contemporanea della trentaquattresima giornata: i verdetti dicono Forlì-Torres e Delta Porto Tolle-Cuneo agli spareggi, Rimini e la stessa Virtus Vecomp Verona retrocesse insieme a Pergolettese, Castiglione, Bellaria e Bra.

 

Al “Paschiero” Ezio Rossi conferma in blocco il consueto 4-3-1-2: in difesa torna Mucciante a sinistra, affiancato da Rinaldi, Siniscalchi e Donida davanti a Gagliardini; a centrocampo Hamlili, Falasca e Palazzolo con Marco Cristini alle spalle di Fanucchi e Lauria.

 

4-3-3 invece per Luigi Fresco che affida al trio Mensah-Scapini-Nalini le ultime speranze rossoblu; in mediana Lechtaler vertice basso, spalleggiato da Conti e Boldini; retroguardia con Peroni, Allegrini, Trainotti e Cosner a protezione di Paleari.

 

Padroni di casa che partono bene, mantenendo il pallino del gioco in mano e venendo premiati alla prima vera occasione da gol: al 15′ cross da sinistra di Mucciante e stacco imperioso di Cristini che firma il suo 6° centro stagionale e sblocca il punteggio. Virtus colpita e che ci mette diversi minuti prima di abbozzare una reazione: dopo due tentativi di Palazzolo e di Mucciante, Conti ci prova dal limite, trovando la parata senza problemi di Gagliardini.

 

Sono però i piemontesi ad andare davvero vicini alla rete, che varrebbe il 2-0: al 23′ Fanucchi batte dal limite, concludendo alto di poco; l’attaccante ex Alessandria si ripete poco dopo, quando, su assist di Lauria, lascia partire un tiro a giro dai venti metri che si spegne fuori per questione di centimetri. Il Cuneo sembra in controllo ma, nel giro di 10′ vede cambiare radicalmente la partita: Hamlili prende due ammonizioni (di cui la seconda per un ingenuo tocco di mano a metacampo) lasciando i suoi in 10 per 45′ abbondanti.

 

Al rientro dagli spogliatoi ci si aspetta un assalto veronese ma, in apertura, è solo Cuneo, ad un passo dal colpo del ko: Fanucchi in progressione supera il diretto avversario e, appena entrato in area, esplode un destro terrificante che scuote la traversa interna; la palla sbatte sulla linea e viene sputata fuori. Ed ecco che la legge del calcio, come spesso accade, punisce: al 10′ l’ex Scapini sfrutta in rinvio rimpallato della difesa biancorossa, ritrovandosi la sfera fra i piedi in area e trafiggendo Gagliardini in pallonetto. 1-1, riaperti tutti i discorsi.

 

Gli ospiti spingono, con i padroni di casa che sono costretti a soffrire: Fresco inserisce anche Odogwu, mentre Rossi è costretto a coprirsi con Gonzi per Lauria, scelta che si rivelerà azzeccata.

 

Al 28′ però il Cuneo rischia quando proprio il neoentrato, scattato sul filo del fuorigioco, deflilatosi verso sinistra prova ad infilare Gagliardini, bravo ad opporsi con il corpo. I veneti premono, ma a rompere il nuovo equilibrio sono i locali: al 37′ Fanucchi difende ottimamente palla spalle alla porta e scarica per l’accorrente Gonzi che con un destro tagliente la piazza nell’angolino, non lasciando scampo a Paleari. 2-1, sembra davvero fatta questa volta, ma gli scaligeri non mollano e rimettono in discussione tutto: angono di Pompilio e testa di Odogwu che anticipa Gagliardini, uscito male dai pali, e fa 2-2, dando pepe alle fasi di recupero.

 

Il Cuneo resiste però fino in fondo, termia 2-2. Appuntamento il 18 maggio con l’andata delle semifinali playoff: sarà Cuneo-Delta Porto Tolle al “Paschiero”.

 

 

CUNEO-VIRTUS VECOMP VERONA  2-2

Reti: 15′ Cristini (C), 10′ st Scapini (V), 37′ st Gonzi (C), 42′ st Odogwu (V).

 

CUNEO (4-3-1-2): Gagliardini 5.5, Donida 6.5, Mucciante 6.5 (44′ st Antonelli), Rinaldi 6.5, Falasca 6, Siniscalchi 6, Palazzolo 5.5 (39′ st D’Alessandro), Cristini M. 7, Fanucchi 7, Hamlili 5, Lauria 6 (18′ st Gonzi 7). A disp. Anacoura, Ruggeri, Montorsi, Girardi. All. Ezio Rossi.

 

VIRTUS VECOMP VERONA (4-3-3): Paleari 6, Peroni 6, Cosner 6, Boldini 5.5, Allegrini 6, Lechthaler 5.5, Trainotti 6, Nalini 6, Mensah 6, Conti 5.5, Scapini 6.5. A disp Favaro, Santuari, Frendo, Bolcato. All. Luigi Fresco.

 

 

ARBITRO: Mirko Mangialardi di Pistoia.

 

AMMONITI: Gagliardini, Donida, Falasca (C), Boldini, Nalini (V). ESPULSO: al 43’ Hamlili (C) per doppia ammonizione. Angoli: 3-8. 

 

Edward Pellegrino

 

In foto l’esultanza biancorossa dopo la rete di Gonzi (Foto Edward Pellegrino – Ideawebtv.it)