Berretti: buon pari del Cuneo a Pavia; incubo “granata” per il Bra

0
128

IMG 8443Domenica 30 marzo 2014 – Ore 10.55 – Una nota lieta, un’altra molto meno per il calcio cuneese impegnato nella ventisettesima giornata del campionato nazionale Berretti. Mezzo sorriso per il Cuneo, che riesce a fare ciò che non era riuscito ai cugini braidesi esattamente sette giorni prima, ovvero strappare almeno un punto al Pavia. Soccombe invece il Bra, impegnato nella quanto mai difficile trasferta in quel di Torino, travolto dai “granata” con un rotondo 1-4.

 

Partiamo dai ragazzi di mister Malabaila, il cui pareggio finale vale moltissimo per due ragioni: in primis perché, come detto, il Pavia appena una settimana fa aveva sconfitto il Bra, reduce da quattro vittorie consecutive; in secondo luogo perché l’1-1 finale è maturato in trasferta, su un campo difficile, e per di più dopo il vantaggio dei padroni di casa. Vantaggio creato da Papapicco e Marrone, la premiata ditta “castiga-Bra”: assist del primo, finalizzazione del secondo, dopo appena 10’. Sarebbe insensato parlare di una veemente reazione ospite: i ragazzi di Malabaila giocano con attenzione, in una partita non certo entusiasmante, per trovare il pari al 55’, grazie ad un’incornata di Cerutti sugli sviluppi di un corner. Termina così, con la squadra della Granda che torna dalla Lombardia con un risultato che fa più morale che classifica, ma che, quanto meno, rompe un digiuno di punti che iniziava ormai ad essere asfissiante.

 

Niente da fare, invece, per il Bra, travolto senza pietà dal “Toro”. E pensare che gli ospiti erano pure riusciti ad andare in vantaggio con Gullino, per sfiorare, poi, in più occasioni il raddoppio. Col passare dei minuti sono però venuti fuori i padroni di casa, che, forti di una migliore posizione di classifica, hanno chiuso sul 2-1 il primo tempo, per poi dilagare, con altre due reti, nella ripresa.
Non è facile commentare un poker al passivo – afferma mister Sappa – Il risultato è forse eccessivamente pesante, ma, obiettivamente, dopo una prima metà di gara ben giocata, nella ripresa abbiamo subito in maniera incredibile il gioco del Torino, che è stato bravo a punirci. Il rammarico è per le molte occasioni sciupate sull’1-0, perché il 2-0 avrebbe indirizzato la partita su altri binari da quelli seguiti realmente. Ora, l’obiettivo è lavorare durante la settimana, per preparare al meglio l’ultimo match in casa, di sabato prossimo”.

 

Carlo Cerutti