Motori: grande salto nella S2000 per il giovane talento saluzzese Gianmaria Melifiori

0
145

melifiori gianmaria valmerulaMartedì 25 febbraio 2014 – Ore 13.45 – Il primo rally lo ha disputato appena due anni e mezzo fa. La prima gara insieme ad Enrico Ghietti l’ha affrontata a novembre 2012. Eppure Gianmaria Melifiori si sente pronto ad affrontare la sua prima gara in S2000, ed il debutto con una 4×4 due litri avverrà domenica prossima 2 marzo alla prima Ronde della Lana in programma a Biella.

È nato tutto abbastanza velocemente, in meno di due settimane. Da una chiacchierata con Roger della Roger Tuning è saltata fuori questa opportunità, che ovviamente ho colto al volo” commenta il 22enne pilota di Lagnasco (CN) che per arrivare a presentarsi sulla pedana di partenza nella gara di domenica prossima dovrà affrontare un vero e proprio tour de force. “Il dubbio sta nel fatto che non ho ancora conseguito l’abilitazione necessaria a guidare la potente Peugeot 207 S2000 curata dalla struttura astigiana. Ho tentato di iscrivermi al corso di inizio febbraio, ma non c’erano più posti”.

 

Ma nulla è perduto perché per la settimana appena anziati la Federazione ha indetto un nuovo corso di abilitazione presso il Circuito di Franciacorta (o Castelletto di Branduzzo). Ottimista come sempre Gianmaria Melifiori prende l’occasione al volo. “Non ho ancora avuto l’opportunità di sedermi sulla Peugeot 207 S2000 e la giornata in pista mi servirà per capire i meccanismi della guida di una vettura molto più potente della mia Saxo e con tantissima trazione in più di quelle che ho guidato finora”.

 

Minimalista come è nel suo carattere lo studente universitario cuneese non si lancia in proclami. “Sarà importante imparare a guidarla per poter fare bella figura e divertirsi. Cercheremo di conoscerla chilometro dopo chilometro, cercando di migliorare ad ogni passaggio le nostre prestazioni in gara. Non ho mai disputato la gara nel biellese e non conoscevo la speciale di Valdengo. Ho avuto occasione di vederla e m i sembra una speciale che ben si adatta al mio esordio con la S2000. Non è velocissima, con tante curve e ripartenze che esaltano la trazione e la potenza della S2000 del Leone. Sapendola portare al limite, il divertimento sarebbe assicurato”.

 

La settimana passata è stata determinante per lo sviluppo della carriera dei due giovani saluzzesi portacolori della Meteco Corse. “Abbiamo finalmente deciso quale sarà il nostro orientamento agonistico. Disputeremo il Trofeo Renault Twingo Gordini con una vettura curata dalla Gima di Predosa nell’ambito del Campionato Italiano Rally” dice Gianmaria Melifiori precisando immediatamente i motivi della sua scelta. “Innanzi tutto è un Trofeo che permette di raccogliere dei premi interessanti se si ottengono risultati significativi. Inoltre sarà un bel terreno di confronto con tanti piloti giovani e preparati che mi permetteranno di capire il mio valore. Inoltre disputerò gare nuove al di fuori della zona piemontese in cui ho corso la maggior parte dei rally finora disputati. E ciò è di grande stimolo”. Il fatto che le gare siano tutte assolutamente nuove non spaventa affatto Melifiori-Ghietti. “Finora abbiamo ripetuto solo il Rally Città di Torino ed il rally della Pietra di Bagnolo. Per il resto erano sempre strade nuove. Da correre ad Alessandria o a Castelnuovo Garfagnana su prove sconosciute che differenza fa?

 

L’avventura di Melifiori-Ghietti nel Trofeo Twingo Gordini comincerà il 14 marzo a Castelnuovo Garfagnana (LU) con il Rally il Ciocco, e proseguirà con Rally Sanremo (4 aprile), Rally del Friuli a Udine (22 agosto), Rally Adriatico su Terra a Cingoli in provincia di macerata (19 settembre) per concludersi con il Rally Due Valli a Verona (10 ottobre)

 

c.s.